Ieri, 22 febbraio, alle ore 20,00, presso il cinema Adriano in Roma si è svolto l'evento "Baciato dal sole". Il primo episodio proiettato sul grande schermo in contemporanea con la messa in onda rai nelle case degli italiani. Poco prima dell'inizio della fiction arriva in sala lui, il motivo per cui le ragazze in sala hanno percorso fino a 500 km per incontrarlo, Guglielmo Scilla. Conosciuto come Willwoosh, il protagonista delle serie, Elio Sorrentino.

La fiction che non convince

Già dai primi minuti si evince una certa carenza da parte della produzione.

Pubblicità

Tutto troppo rapido. Troppa fretta di arrivare al momento più importante. Raccontare il dietro le quinte della Televisione, i complotti e  i talenti che ne pagano le conseguenze. Argomento trattato degno di nota, ma trattato con troppa leggerezza. Elio Sorrentino, vittima dei complotti televisivi che viene risarcito con uno show tutto suo. Ma non è solo questo a rendere poco convincente la fiction. Anche i dialoghi, già carenti, vengono ridicolizzati da due espressioni al limite della forzatura. "Quando hanno sganciato la bomba su Hiroshima non hanno fatto domande" e, ancor più banale e decontestualizzata "mani fredde, cuore caldo". Ma, in conclusione, ho deciso di lasciare una finestra aperta. Con la speranza che la serie possa migliorare nei prossimi episodi.

Vincitori e vinti

In tutto ciò, però, Guglielmo Scilla ne esce sicuramente vincitore. Attore ancora acerbo, ma con del potenziale, gettato negli ingranaggi rai per attirare un pubblico giovane. Lato davvero positivo della serata è stata la presenza degli attori in sala, ai quali era possibile fare domande durante gli stacchi pubblicitari e la disponibilità di Scilla al termine della proiezione. Visibilmente emozionato e felice per la presenza di amici e familiari e ammiratrici. Questa sera, 23 febbaio, a partire dalle ore 21.20, andrà in onda il secondo episodio, dei sei previsti, di "Baciato dal sole" sempre su raiuno e sempre con Guglielmo Scilla, in arte Willwoosh.

Pubblicità