La prossima stagione televisiva potrebbe essere contrassegnata dall'addio definitivo di Paolo Bonolis alle reti Mediaset: stando alle ultimissime di gossip di queste ore il contratto del mattatore di Ciao Darwin 2016 risulta essere in scadenza e non è detto che venga rinnovato per la nuova stagione tv in partenza a settembre.

Bonolis lascia Avanti un altro e Ciao Darwin?

Una notizia che sicuramente non renderà felici i tantissimi spettatori e seguaci di Bonolis che nel corso di queste ultime stagioni hanno avuto modo di seguire le sue varie trasmissioni come ad esempio il game show Avanti un altro che nel corso di questi anni è risucito a risollvere la fascia degli ascolti del preserale di Canale 5 e soprattutto Ciao Darwin che nel corso delle varie settimane di prgrammazione di questa settima edizione è riuscito a portarsi a casa una media superiore ai cinque milioni di spettatori medi registrando uno share complessivo del 28% che ha portato la rete ammiraglia del Biscione a trionfare regolarmente ogni settimana nella sfida degli ascolti serali.

Il ritorno in Rai di Bonolis nel 2017?

Come vi dicevamo, però, il grandissimo successo registrato da Ciao Darwin quest'anno non avrebbe come conseguenza la riconferma di Bonolis alle reti Mediaset per la stagione tv 2017-2018. Stando alle ultimissime di gossip di queste ore, infatti, sembrerebbe che il conduttore romano sia stato avvistato negli ambienti di Viale Mazzini, ed ecco che si parla di un possibile ritono in casa Rai.

Sembrerebbe, infatti, che il nuovo direttore generale della Tv di Stato, Campo dell'Orto, starebbe facendo il possibile per riportare Paolo Bonolis sugli schermi di Raiuno: per lui si parla di un nuovo game show che dovrebbe sperimentare nella fascia oraria Post-Tg delle 20 e poi ancora un nuovo show che dovrebbe andare in onda in prima serata.

Come si concluderà la querelle tra Rai e Mediaset? Chi riuscirà a spuntarla? Bonolis deciderà di essere ancora protagonista dei programmi della tv commerciale oppure lo rivedremo nei programmi della tv di Stato? Lo scopriremo prossimamente.