Era la coppia più bella e più amata di Hollywood. E di questo grande amore restano soltanto le carte bollate, poiché #brad pitt e #Angelina Jolie hanno avviato le pratiche per il #divorzio. Carte bollate, insulti e soprattutto accuse pesantissime che stanno facendo finire nel peggiore dei modi quella che per anni è stata vista dal mondo intero come la favola più bella di Hollywood, coronata addirittura da sei figli. Una vera e propria famiglia reale che però, adesso, si è sfasciata.

A chiedere la separazione è stata Angelina Jolie. Nella richiesta depositata in tribunale si parla ufficialmente di "differenze inconciliabili".

Ma le voci che girano nell'ambiente vicino all'attrice sono inquietanti. Nella cerchia dei suoi amici si dice: la causa della rottura dipende da Brad, che ha frequenti scatti d'ira, scatenati dall'abuso di alcol e sostanze stupefacenti. Addirittura sulla rivista People è venuta a galla, attraverso persone vicino alla Jolie, la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Il tribunale per i minori di Los Angeles ha avviato un indagine per una sfuriata molto violenta di Brad Pitt. Era con i suoi figli e con Angelina in aereo e ad un certo punto è andato in escandescenza con uno di loro. La scenata è proseguita anche dopo l'atterraggio, di fronte ad alcuni testimoni. L'attore a quest'accusa risponde dicendo: Non ho mai fatto del male ai miei figli ma mi "dipingono" nel peggiore di modi.

Si parla anche di infedeltà: si è detto che l'attore abbia tradito più volte Angelina e di un flirt con l'attrice Marion Cotillart, mentre girava con lei Allied- un'ombra nascosta che sarà nelle sale a novembre.

I migliori video del giorno

Di certo ci sono le parole che lo stesso Brad Pitt ha rilasciato ufficialmente: sono molto addolorato, quello che conta è il benessere dei nostri figli. Stando infatti alle carte in tribunale, la Jolie ha chiesto l'affidamento fisico esclusivo dei sei figli e la custodia legale congiunta; in altre parole, se l'attrice avrà ragione, i bambini rimangono a vivere con lei e il padre, che manterrà la patria potestà, potrà soltanto vederli nei tempi e nei modi stabiliti dal giudice.