Giorgio Manetti accusa "Eva tremila": il noto settimanale di gossip aveva pubblicato foto che vedevano l'uomo in atteggiamenti intimi con Gemma Galgani, parlando di un ritorno di fiamma tra i due. Oggi, l'uomo, tramite Massimo Di Stefano, titolare dell’agenzia che cura la sua immagine, ha affermato che quelle foto sono vecchie. Lo scoop del settimanale sarebbe quindi falso. Un vero e proprio colpo di scena, l'ennesimo, nella vicenda che vede coinvolta la coppia più chiacchierata di "Uomini e donne". 

Nessun ritorno di fiamma

"Eva tremila" finisce sotto accusa. Giorgio Manetti ha infatti affermato, tramite il suo consulente d'immagine, Massimo Di Stefano, che le foto pubblicate dal settimanale (in cui era in atteggiamenti molto intimi con Gemma), risalirebbero ad un anno e mezzo fa.

Di Stefano ha dichiarato che tra il suo cliente e Gemma Galgani, allo stato attuale, non c'è nulla.  Il presunto scoop del settimanale, quindi, sarebbe un buco nell'acqua. "Eva tremila" aveva messo la foto della (ex) coppia in copertina con un titolo eloquente: "Si amano anche se lo negano”. Tutto falso, dunque. Un abbaglio clamoroso da parte del settimanale.

Fine della storia

Gemma Galgani e Giorgio Manetti non sono tornati insieme. Lo scoop di "Eva tremila" non era tale. E' stato lo stesso Giorgio a negare tutto, affermando che le foto pubblicate dal settimanale erano vecchie di un anno e mezzo fa, quando i due vivevano il loro amore. Nessun ritorno di fiamma, dunque. A "Uomini e donne trono over" la storia tra i due continua a tenere banco nonostante entrambi stiano frequentando nuove persone. In particolar modo, Gemma pare aver intrecciato un rapporto con Marco Firpo che prosegue, nonostante alti e bassi. Giorgio, invece, continua ad uscire con varie donne, senza riuscire a trovare l'anima gemella.

I migliori video del giorno

Anche per questo motivo, molti avevano preso per buono l'articolo pubblicato dal settimanale. Qualcuno aveva ipotizzato addirittura l'uscita a breve, dei due, dal programma di Maria De Filippi. Niente, invece, era vero.