Pare che il pornoattore Rocco Siffredi abbia mostrato di apprezzare fisicamente l’ex concorrente del Grande Fratello Vip, Asia Nuccetelli, figlia della showgirl Antonella Mosetti. Secondo alcuni rumors, Siffredi lo avrebbe confessato ad alcuni suoi amici, e la notizia sarebbe giunta ai giornali. Lo stesso pornoattore, però, ha confermato le voci dimostrando, con un commento sotto una foto di Asia Nuccetelli, di non essere rimasto indifferente alla bella gieffina. In particolare sotto la foto postata da Asia su Instagram, dove la ragazza si mostra al pubblico senza trucco, Rocco Siffredi non ha esitato a commentare scrivendo che anche al naturale “è da cento”.

Il complimento galante del pornoattore avrà fatto sicuramente piacere ad Asia, come lo farebbe a tutte le ragazze di venti anni che lo ricevono. Ma, secondo alcune indiscrezioni riportate da “Novella 2000”, pare che la mamma di Asia, Antonella Mosetti non abbia apprezzato questi complimenti.

Antonella Mosetti non avrebbe apprezzato questi complimenti di Rocco Siffredi alla figlia Asia

Antonella Mosetti, che ha condiviso l’esperienza del Grande Fratello Vip con la figlia, sin da quando è entrata nel reality show ha dimostrato di essere molto protettiva nei confronti Asia. Un po’ come lo sono tutte le mamme con le figlie, soprattutto quando hanno vent’anni e, nel caso di Asia Nuccetelli, si trovano ad entrare così presto nel mondo dello spettacolo. Un mondo che può riservare molte sorprese, ma anche molte insidie e forse proprio per questo Antonella vuole proteggere la figlia.

I migliori video del giorno

Secondo i rumors riportati da “Novella 2000” alcune amiche della Mosetti avrebbero dichiarato che mai Antonella vorrebbe che Asia si avvicinasse a Rocco in alcun modo. Forse proprio a causa del campo in cui lavora Siffredi, quello del porno. Non è detto, però, che questi apprezzamenti di Rocco siano un modo per coinvolgere Asia Nuccetelli nel suo lavoro, anche perché pare alquanto improbabile che la ragazza possa accettare questo “corteggiamento” di Siffredi.