Dalle scorse anticipazioni de Il Segreto, abbiamo ben appreso che Bosco muore insieme alla balia, dopo un feroce scontro tra Francesca Montenegro e Berta. È stato ben chiaro sulle disposizioni da attuare dopo la sua morte, tant'è vero che prima di esalare il suo ultimo respiro chiede alla nonna di affidare il piccolo Beltran alle cure della sorella Aurora.

Rispetterà le ultime volontà del nipote?

Ovviamente la dark lady della telenovela decide di non rispettare il volere di Bosco e recandosi alla sua tomba per chiedere perdono di questo suo gesto, dichiara di prendersi carico delle cure di Beltran e far sì che abbia la migliore istruzione e tutti i privilegi di un vero Montenegro.

Intanto Raimundo viene a conoscenza, grazie a Santacruz, che donna Francesca era a conoscenza da molto tempo della "pazzia" di Berta. In questo modo aumenterà l'odio nei confronti della donna, accusandola della morte del nipote e affermando di schierarsi dalla parte di Aurora, qualora avviasse un processo per l'affidamento del piccolo.

Il ritorno di Aurora a Puente Viejo

L'aspirante dottoressa arriva al paese dopo essere scampata alla morte, a seguito del deragliamento del treno su cui viaggiava e subito intuisce, anche senza averci parlato, che il fratello avrebbe voluto che si fosse occupata lei stessa del piccolo. Ovviamente resta sconcertata dopo aver scoperto che il piccolo Beltran è stato portato via dal Jaral, tra l'altro per volere di Francisca. A quel punto avvia una battaglia legale e non ci pensa due volte su a far sapere all'adorata nonnina che farà di tutto per ottenere la custodia.

I migliori video del giorno

Lo scontro tra le due parenti è inevitabile e la Montenegro cerca di impietosirla con false scuse, parlandole del suo ultimo avvicinamento a Bosco e del fatto che il ragazzo non avesse accettato che lei non fosse andata a trovarlo dopo la morte di Ines.

Ma certamente la giovane Castro non ci casca, e subito capisce che si tratta di pure menzogne dato che a seguito di una lettera Bosco aveva chiaramente espresso di non volere che la sorella interrompesse gli studi per quella situazione.