Il cantante Al Bano Carrisi è stato operato d'urgenza nella notte dopo due attacchi cardiaci, il cantante era a Roma che stava preparando il concerto di Natale e al secondo malore si è fatto portare subito in ospedale ed è stato sottoposto a un'intervento di tre ore dove lui era cosciente e sentiva tutto quello che stava accadendo.

Al Bano colpito da due infarti

In mattinata arriva la notizia che sconvolge tutti i fans, Al Bano operato nella notte in seguito a un malore, il cantante ora dice che sta bene ma la preoccupazione è tanta e ha bisogno di riposo e tranquillità. Al Bano era nell'auditorium di Roma che stava provando il concerto di Natale quando verso le 18 ha sentito il primo malore, ma ha continuato a cantare fino alle 20, quando è arrivato il secondo malore e si è fatto portare subito in ospedale e al suo arrivo i medici hanno deciso di operarlo subito.

Un intervento durato tre ore e perfettamente riuscito. Il cantante pugliese dovrebbe essere dimesso tra alcuni giorni, ma i medici consigliano riposo assoluto. Vedremo se Al Bano annullerà i suoi impegni in programma nei prossimi mesi.

Intervento in semi sedazione

Il cantante Al Bano Carrisi racconta a Oggi.it che durante l'intervento ha sentito tutto, visto che è stato operato in semi sedazione. Come di consueto il cantante tira fuori il suo umorismo anche in situazioni così traumatiche, scherzando sul fatto che lassù non lo vogliono e che bisogna sopportarlo ancora un po'. Al Bano ha dichiarato di poter essere a casa nel giro di qualche giorno e ora deve pensare a star bene tenendo sotto controllo questa aorta, definita da lui capricciosa. Migliaia i messaggi di buona guarigione dai suoi colleghi del mondo dello spettacolo e dai fans, che lo aspettano presto sul palco per farci ascoltare le sue canzoni più belle e siamo sicuri che con l'affetto dei suoi famigliari troveremo il nostro amato Al Bano presto in pista per farci emozionare come solo lui sa fare.

I migliori video del giorno

Tanti auguri di una buona guarigione al nostro grande campione.