"Siamo in piena regressione sociale ed aumentano le credenze di ogni ordine e grado". Sembra che gli autori delle nuove puntate del "Barlume", in onda da stasera su Sky, abbiano preso a prestito questa sentenza di Michele Serra, per giustificare i tempi che stiamo vivendo. Almeno è questo che emerge dalla visione della prima puntata - che abbiamo visto in esclusiva - intitolata "Aria di mare".

Massimo è dalla psicologa ed è depresso, i bimbi sono alle prese con un maestro del coro falso cieco. Tizzy - che il barista sogna nell'opera di distruzione del Barlume di Pineta - ora è impiegata al deposito di un grossista di merci, ed è in contrasto con il Bimbo.

Intanto a Pineta la stagione estiva è andata male, e Massimo è in bolletta: Timi è dimagrito molto, e sembra bene interpretare questo idealtipo con antidepressivi al seguito che, in ogni notizia di cronaca, scova i presagi di un'Apocalisse incipiente e non più ritraibile.

In questo bailamme, il commissario Fusco è stato confinato a Pisa agli archivi degli incidenti automobilistici e delle cose smarrite. Poi si verifica l'omicidio di una collega della Tizzy che fa ripartire tutto: la Fusco indaga in incognito con Massimo che le va a ruota, e con la Tizzy che riprende a frequentare il reprobo barista.

I bimbi, come al solito, intervengono in appoggio non richiesto.

Perché piace il "Barlume"? In primis perché c'è la forza di un testo come quello del narratore-fisico Marco Malvaldi, un Camilleri toscano con una grande forza d'intelligenza narrativa e linguistico-dialettale. In seconda istanza, perché la trasposizione Palomar - con Sky - ha indovinato sia la location, sia gli attori.

Accanto a Timi funziona bene Lucia Mascino (Tiziana), con un Alessandro Benvenuti che si staglia dal gruppo dei pensionati rompiscatole.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Anticipazioni Tv

La Fusco poi - Enrica Guidi - è un ottimo contraltare caratteriale al razionalista con frenesia Massimo. In Italia i testi ci sono, gli attori anche: ci vorrebbe più coraggio nelle produzioni autoctone che nulla hanno da invidiare a quelle Usa.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto