Brutte notizie per tutti i fan di Paola Perego: il programma della conduttrice lombarda, Parliamone Sabato, è stato chiuso infatti per decisione dei vertici Rai. La decisione arriva dopo la polemica scoppiata per la grafica discriminatoria in cui si elencavano sei ragioni, evidentemente discutibili, per cui gli uomini dovrebbero preferire le donne dell'est (ad esempio che accettano che sia il maschio a comandare e che perdonano il tradimento).

La chiusura del programma

Questa mattina era stata la presidente Rai, Monica Maggioni, a scusarsi per il contenuto della puntata di Parliamone Sabato andato in onda sabato 18 Marzo 2017.

Nel pomeriggio poi una nota di viale Mazzini ha confermato la decisione drastica di silurare il programma della Perego. Le parole del dg Antonio Campo Dall'Orto hanno confermato che "le scuse sono doverose, ma non bastano. Il direttore generale ha specificato che gli argomenti andati in onda durante Parliamone sabato in contrapposizione con "la mission di servizio pubblico" della Rai. Dall'Orto ha aggiunto che la scelta di chiudere Parliamone sabato non è stata presa a cuor leggero ma dev'essere considerata come "reazione ai contenuti andati in onda. Il direttore generale della tv di stato ha dichiarato che la chiusura di Parliamone sabato accelera di fatto la revisione del daytime della rete ammiraglia, facendo intendere che in ogni caso il programma della Perego probabilmente non sarebbe stato confermato nel nuovo palinsesto.

I migliori video del giorno

L'ira della Boldrini

Anche la presidente della Camera, Laura Boldrini, nelle scorse ore si era scagliata contro Parliamone Sabato di Paola Perego, definendo quella andata in onda come una "lista vergognosa". Il direttore di Rai Uno, che già stamattina aveva chiesto scusa al pubblico, come riportato dall'Ansa ha rinnovato l'impegno per realizzare un'offerta sempre più in linea con i valori che devono caratterizzare le reti del servizio pubblico. Sui social invece le polemiche non si placano, ma sono in tanti in questi minuti ad esultare per la decisione dei vertici Rai di far "saltare la testa" di Paola Perego.