Nell'ultimo decennio è cresciuto notevolmente il settore del turismo in camper, perchè? La motivazioni sono molte e variegate.

Innanzitutto, la più ovvia: il camper concede massima libertà negli spostamenti e la possibilità di scegliere all'ultimo momento dove andare e cosa fare, senza preoccuparsi di dover prenotare alberghi, hotel o Bed&Breakfast; garantendo anche un contatto diretto con la natura, il tutto low cost (permettendo in tempi di crisi anche a chi ha un budget ridotto di fare una breve vacanza).

Sempre più persone scelgono infatti questo modo di viaggiare: non solo giovani coppie, ma anche coppie mature, gruppi di amici, famiglie con bambini piccoli o animali da compagnia, che si troverebbero in difficoltà con altre soluzioni di vacanza.

Inoltre, soprattutto nel caso di famiglie che viaggiano con bambini al seguito, il camper concede quelle comodità che ad esempio la tenda non ha, poiché esso somiglia in tutto e per tutto ad una casa mobile, dove poter giocare, guardare la tv durante il viaggio, riposare, ascoltare la musica, senza disturbare i vicini.

Le mete poi sono moltissime: sia in Italia che all'estero ci sono aree attrezzate per la sosta dei camper disseminate un po' ovunque, indicate su guide ad hoc e facilmente raggiungibili.

Da fenomeno di nicchia, il turismo da camper si è così trasformato in un'importante risorsa economica per l'Italia, visto che i "camperisti" si trovano spesso ad usufruire di servizi come campeggi o aree sosta, e fanno spese nei negozi italiani, iniettando centinaia di milioni di euro nel mercato.

I migliori video del giorno

Infine, non è necessario comprare un camper, perché è ormai facile trovare offerte molto convenienti per noleggiarlo, scegliendo fra una gamma sempre più ampia di modelli, ognuno con caratteristiche particolari, adatti ad ogni tipo di budget.

Se avete anche voi deciso di sperimentare una vacanza in camper, su internet troverete tantissimi siti dove leggere i consigli di camperisti esperti, per organizzare al meglio il vostro viaggio.