Un gruppo di sommozzatori dell'Oklahoma Highway Patrol che si stava esercitando con un nuovo modello di sonar ha trovato sul fondo del lago Foss (Elk City, Oklahoma) due auto e i resti di sei persone. Le due auto sono state identificate e associate a due casi rimasti irrisolti e risalenti a decenni prima.

La prima è una Camaro degli anni '70, identificata come di proprietà di Jimmy Allen Williams, un sedicenne, che il 27 novembre 1970, dopo essere uscito da lavoro e avendo detto ai genitori di recarsi a una partita di football, era scomparso insieme a una coppia di amici un paio di anni più grandi: Leah Gail Johnson e Thomas Michael Rios.

Pubblicità

Il fratello aveva poi rivelato che si trattava di una bugia, e che in realtà Jimmy stava andando a una battuta di caccia. Dopo lunghe indagini la polizia aveva concluso che verosimilmente i ragazzi erano scappati di casa.

Più complessa l'attribuzione della seconda automobile, una Chevrolet verde degli anni '50, forse di proprietà di una coppia scomparsa agli inizi degli anni '60, ma resta il dubbio su chi possa essere il terzo individuo che è stato ritrovato a bordo. Un'altra possibilità è che l'auto appartenga a Alvi Porter, un 69enne scomparso 44 anni fa.

La polizia non ha ancora rilasciato una dichiarazione ufficiale riguardo all'identificazione dei resti.

I sommozzatori hanno dichiarato di aver individuato le auto la settimana scorsa, ma che avendo pensato che si trattasse di auto rubate, avevano aspettato qualche giorno prima di recuperarle, ma che vedendo le ossa sui sedili avevano immediatamente compreso che si trattava di qualcosa di più "interessante".