A Lamb Holm, una piccola isola spazzata dai venti nell'arcipelago scozzese delle Orcadi, c'è un angolo d'Italia. La Cappella Italiana, una piccola curiosa costruzione con una semplice facciata di cemento, un portico sorretto da due pilastri e l'interno a botte, rappresenta il trionfo della creatività e dell'ingegnosità dell'uomo sopra le avversità.

Fu infatti costruita durante il secondo conflitto mondiale dai prigionieri di guerra italiani, che, confinati a migliaia di chilometri dalle loro case, in un clima freddo e inclemente, sentirono il bisogno di crearsi un luogo di calore e bellezza spirituale, in cui adorare Dio secondo le proprie consuetudini.

Il risultato si può vedere ancora oggi: una cappella dedicata alla Madonna della Pace, la cui immagine risplende sul muro dietro l'altare.

I prigionieri italiani erano stati mandati nel 1942 per lavorare alle Barriere di Churchill, sbarramenti di cemento progettati per impedire agli U-Boote tedeschi di attaccare le navi da guerra inglesi, all'ancora a Scapa, sull'isola maggiore. Gli uomini del Campo 60 di Lamb Holm si erano trovati sbalzati dalla calura del Nordafrica, dove erano stati catturati, al vento continuo alla pioggia e al fango delle Orcadi. Ma gli italiani non si lasciarono scoraggiare e si diedero subito da fare per trasformare il tetro campo di prigionia. Tracciarono viottoli di cemento, piantarono fiori, allestirono un teatro, completo di fondale dipinto. Per soddisfare le loro necessità spirituali, su iniziativa del comprensivo comandante del campo, il maggiore T.P.Buckland, del cappellano, padre Giacobazzi, e di un prigioniero dotato di un notevole talento artistico, Domenico Ciocchetti, si pensò di costruire una Cappella.

I migliori video del giorno

L'Italian Chapel, così fu chiamata, fu ricavata da due baracche prefabbricate unite alle estremità. Lo squallore dell'esterno fu in parte nascosto dall'adorna facciata in cemento, mentre l'interno fu trasformato in un capolavoro dall'opera di Ciocchetti. Dopo la guerra, la città natale di Ciocchetti, Moena, donò al popolo delle Orcadi un crocifisso intagliato in segno di pace ed amicizia.