L'area di Sharm el-Sheikh è di nuovo aperta al turismo italiano. Il Ministero degli Esteri, con nota pubblicata il 16 luglio sul sito "viaggiaresicuri.it" evidenzia che lo "sconsiglio" da tempo presente per la ricercata località egiziana sul Mar Rosso è stato rimosso, così come per le principali zone turistiche del Paese. Il comunicato recita testualmente: "si rinnova la raccomandazione di evitare i viaggi non indispensabili in Egitto in località diverse dai resort situati a Sharm el-Sheikh, sulla costa continentale del Mar Rosso, nelle aree turistiche dell'Alto Egitto e di quelle del Mar Mediterraneo".

E' superfluo sottolineare la viva soddisfazione dei turisti che, da tempo, desideravano soggiornare per la prima volta, ma soprattutto, ritornare, negli agognati luoghi ameni egiziani, veri e propri paradisi naturali, dove un arido deserto su affaccia su uno dei mari tropicali più ricchi del mondo per varietà e concentrazione di vita marina, che non cessano mai di affascinare, essendo decadute con il citato provvedimento le condizioni oggettive speciali per la cancellazione dei viaggi previsti in precedenza.

E soddisfazione non può che esserci da parte dei Tour Operator: la Astoi Confindustria, appresa la rimozione del "warning", ha espresso "piena soddisfazione per l'avvenuta rimozione dello sconsiglio su Sharm el-Sheikh, destinazione di fondamentale importanza per il comparto e per lo stesso Paese Egitto, per il quale il turismo rappresenta una delle primarie componenti economiche nazionali". Una importante boccata d'ossigeno anche per i Tour Operator italiani, quindi, che alla crisi perdurante avevano dovuto aggiungere anche il rinunciare a gestire le destinazioni egiziane in questione, che da ormai più lustri rappresentano, in ogni stagione, spesso con domande superiori alle offerte, anche per via della distanza, considerate le poche ore di volo dall'Italia. Ad ogni buon conto, si raccomanda di affidarsi ad Agenzie di Viaggio di comprovata esperienza e serietà e di tenersi comunque aggiornati sul predetto sito del Ministero, come per qualsiasi altra destinazione.

I migliori video del giorno