Più di così non si poteva chiedere ad uno dei monumenti più belli e visitati di #Parigi, il simbolo per eccellenza della città dell'amore, realizzato appositamente per l'Esposizione universale del 1889. Nella capitale francese, infatti, è stato inaugurato il pavimento trasparente al primo piano (circa 57 metri) dell'opera progettata da Gustave Eiffel, che permetterà ai turisti di godere appieno di un panorama mozzafiato sotto ai loro piedi. Si tratta di una lunga opera di restauro e di potenziamento architettonico da parte del Comune, che ha voluto regalare ai visitatori l'ebbrezza di una passeggiata sospesa nel vuoto per chiunque voglia fermarsi al primo piano (peraltro quello più visitato, dato che in tutto sono tre, ma non sempre l'ultimo è accessibile).

Fra le novità apportate al colosso parigino, sono stati installati una decina di monitor grazie ai quali i turisti potranno (oltre che guardare il panorama dall'alto) conoscere la storia e le vicissitudini della Torre Eiffel e godersi un momento di relax nell'esclusivo ristorante costruito al primo piano dell'edificio, dove un pasto completo si aggira intorno ai 100 euro a persona (bevande incluse).

Le barriere esterne di ciascun piano, inoltre, sono state modificate e anch'esse sono state ricostruite in vetro, in modo che ciascuno può godersi la vista di Parigi da una prospettiva di 360 gradi. Un progetto, insomma, che ha reso ancor più spettacolare la visita del luogo di maggior interesse della capitale francese: basti pensare che, ogni anno, salgono sulla Torre Eiffel almeno sei milioni e mezzo di persone provenienti da tutto il mondo, sia per ammirare la panoramica della città di giorno, sia per godersi uno scenografico spettacolo serale con l'edificio interamente illuminato da migliaia di piccole luci, una di quelle cose, insomma, per cui vale la pena acquistare un biglietto di ben 18 euro a persona per salire con gli appositi ascensori.

I migliori video del giorno

Ascensori che si muovono grazie all'energia prodotta da quattro grandi pannelli solari recentemente installati sull'edificio per risparmiare sulla "bolletta" elettrica.