Parte il grande esodo per le vacanze agostane e i milioni di automobilisti che si metteranno alla guida per il primo weekend da bollino rosso dell'estate saranno di felici di trovare prezzi più bassi alla pompa di benzina. Un calo che di certo non è frutto di una buona azione da parte delle compagnie petrolifere. Il leggero "sconto" va, infatti, a confermare il prosieguo di un trend al ribasso, favorito dal calo globale dei prodotti petroliferi e da un cambio euro-dollaro piuttosto stabile nelle ultime settimane. In tutto il territorio nazionale i gestori hanno tagliato i prezzi a listino, in media di 1 o 2 centesimi al litro, e nel weekend questo trend potrebbe proseguire, portando qualche ulteriore risparmio nelle tasche dei viaggiatori.

I prezzi in Italia

Secondo i dati riportati dal "Sole 24 Ore", nella data del 1 agosto il prezzo medio nazionale della benzina super praticato alla pompa, è di 1,634 in modalità self service. Il miglior prezzo medio della verde si registra invece in Emilia-Romagna a 1,601 alla pompa. Per quanto riguarda il diesel, il prezzo medio in modalità self è di 1,436, mentre il prezzo medio regionale più basso lo troviamo sempre in Emilia, dove servono 1.413 euro al litro. Prezzi ancora più bassi si trovano presso i numerosi distributori no-logo, dove il prezzo dei carburanti è di qualche centesimo inferiore alla media nazionale: prezzi al di sotto degli 1,600 al litro per la benzina super, mentre il diesel si trova sotto quota 1,400.

Questi leggeri aggiustamenti di prezzo, di certo non porteranno grossi risparmi nelle tasche dei viaggiatori, ma di sicuro un calo del costo dei carburanti non può che essere di buon auspicio per le vacanze.

I migliori video del giorno

20 milioni per le strade nel weekend

Per il weekend sono previsti circa 20 milioni di vacanzieri in viaggio sulle strade e autostrade italiane verso le località di villeggiatura, e nella serata di venerdì si sono registrate le prime code nei maggiori nodi autostradali nazionali di Roma, Firenze, Bologna, Genova e Milano. Il traffico, secondo le previsioni, rimarrà intenso lungo tutta la rete nazionale e in corrispondenza dei valichi alpini fino alla notte di domenica 2 agosto.