L'esplosione di un potente ordignoha scosso il quartiere Chelsea di Manhattan, a New York, nella serata di sabato 17 settembre, ferendo 29 personeemandando in frantumivetri di immobili e veicoli nelle vicinanze. Le autorità hanno immediatamente chiuso diverse strade attorno al luogo della deflagrazione, mentre sono state soppresse alcune fermate della metro.

L'esplosione è avvenuta alle 20:30 a New York, le 3:30 in Italia

L'esplosione è stata segnalata intorno alle 8.30 pm al 133 West 23rd Street, vicino alla Avenue of the Americas, secondo quanto riportano le autorità.

Stando alle ultime indiscrezioni, eda quanto si evince dalle immagini che sono state diffuse dai testimoni tramite i social, l'ordigno sarebbe deflagrato all'interno, o nelle immediate vicinanze, di un cassonetto della spazzatura. Le autorità di New York non hanno ancora rilasciato comunicazioni ufficiali in merito, anche se si esclude si sia trattato di una fuga di gas.

L'esplosione ha mandato in frantumi le finestre diun edificio di cinque pianie numerosi detriti sono caduti in strada.

Al momento, sembra siano circa30 le persone rimaste ferite a causa della deflagrazione, come comunicato dai vigili del fuoco. Solo una persona avrebbe riportato lesioni gravi.

La polizia cerca altri ordigni,chiuse strade e metro. De Blasio: "atto intenzionale"

Dopo l'esplosione, alcune vie di Manhattan sono state chiuse dalle forze dell'ordine che, con l'ausilio di unità cinofile, hanno a lungo scandagliato l'area alla ricerca di un eventuale secondo ordigno.

La deflagrazione ha costretto alla chiusura della Seventh Avenue tra la23rd ela25th Strada, e tra la23rd e l'Avenue of the Americas and Eighth Avenue. LaMetropolitan Transportation Authorit (Autorità del Trasporto Metropolitano) ha confermato, su Twitter, la momentanea sospensione delle fermate dellametropolitana sulle linee F ed E nelle vicinanze del luogo in cui si è verificato il drammatico episodio.

Il sindaco Bill De Blasioha detto, in una conferenza stampa alle 23:15 ora locale, che l'esplosione sembra essere stata "un atto intenzionale", ma che al momento non vi è alcuna prova che si tratti di terrorismo e che non c'è nessuna"minaccia credibile e specifica". Le indagini tuttavia proseguono.Secondo alcune fonti, la deflagrazione sarebbeavvenuta nei pressi dell'abitazione di Chelsea Clinton,figlia di Hillary, candidata alla presidenza degli Stati Uniti.

Vuoi tenerti aggiornato sulla vicenda?

Continua a leggerci e non perderti i prossimi articoli cliccando sul tasto"segui", vicino al titolo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto