Lo sciopero avverrà oggi, sabato 23 Luglio fino a domenica 24 luglio, e riguarderà i dipendenti che gestiscono le società dei treni regionali (#Trenitalia e Trenord) e la società che gestisce i treni Italo (NTV), non coinvolgendo, però, le seguenti regioni: Veneto, PiemonteAbruzzo, Umbria e Marche. La ragione dello sciopero, indetto dalle compagnie Cat, Cub e Sgb, fermerà il transito fino a data riportata a inizio articolo per ragioni di protesta verso alcune condizioni del contratto nazionale di lavoro. Trenitalia ha inoltre annunciato che tutte le Frecce circoleranno regolarmente, mentre i treni regionali potranno subire variazioni tra cui ritardi e cancellazioni.

Qui una lista dei treni che viaggeranno sicuramente. La Trenord invece non garantisce i servizi in quanto lo sciopero si svolgerà in giornate festive.

Questa improvvisa protesta da parte delle compagnie

Indispensabili per lo spostamento hanno creato grossi problemi ai cittadini che dovranno scegliere un diverso metodo per muoversi. Nonostante le Frecce continuino a circolare senza subire la benché minima conseguenza per via della protesta, i cittadini, che giornalmente usano i più comuni treni regionali, sono rimasti interdetti, considerando il poco preavviso da parte delle compagnie che dovrebbero garantire una qualche prevenzione ed eventualmente una soluzione, che comprende la disposizione di mezzi alternativi (autobus e navette) per la risoluzione del problema, cui la colpa non è certamente delle persone che usufruiscono dei servizi messi a disposizione dalle compagnie ferroviarie.

I migliori video del giorno

La posizione presa da parte dei dipendenti, infatti, andranno a influire solo ed esclusivamente sui bravi cittadini, nonostante la protesta sia rivolta in particolare ai sindacati regionali. Andando infatti ad approfondire la reale ragione dello sciopero, che in sintesi comprende alcune modifiche sul contratto che è in via di rinnovamento (come già detto in precedenza) e che ancora una volta andrà ad intaccare le persone e non chi sta a capo delle compagnie Trenitalia che in effetti dovrebbe fare in modo di risolvere ed essere in grado di gestire certi ''inconvenienti''.  #sciopero generale #mezzi pubblici