Addio al letargo invernale con “#capri… una stagione in più”. Partirà a novembre, infatti, l'esperimento di destagionalizzazione del turismo voluto dalle due amministrazioni isolane ed organizzato in collaborazione con le associazioni di categoria di albergatori e commercianti. Da quest'anno, dunque, Capri non spegnerà i suoi riflettori a fine ottobre ma continuerà ad accogliere visitatori stanziali anche nei mesi di novembre e dicembre.

L'iniziativa, promossa dalla Città di #Capri e dal comune di Anacapri in sinergia con Federalberghi Isola di Capri, Capri Excellence, Ascom Capri ed Ascom Anacapri, rientra in una sorta di sperimentazione che coinvolgerà Hotel, ristoranti, bar, esercizi commerciali ma anche associazioni culturali e addetti ai lavori che contribuiranno ad offrire una nuova offerta turistica anche in "bassa stagione".

Guai, però, a chiamarla cosi. I promotori di "Capri, one season more", infatti, tengono a precisare che si tratta di un concept che parte da un ideale prolungamento che collega la stagione estiva con le festività di Natale e Capodanno, che da sempre rappresentavano l’unico periodo in cui l’isola “riprendeva vita” prima della lunga pausa invernale, che coincideva con il weekend di Ognissanti e terminava in concomitanza della Pasqua.

Il progetto “#Capri.. una stagione in più” è stato presentato negli scorsi giorni alla Fiera Internazionale del Turismo di Rimini. Nel corner dedicato all'isola di Capri, ospitato nello stand della Regione Campania, i rappresentanti di Federalberghi Isola di Capri e dell’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo hanno promosso l'iniziativa e presentato i dettagli agli operatori del settore, distribuendo brochure, materiale informativo e la lista degli alberghi e dei ristoranti che prolungheranno la loro apertura fino a Capodanno.

I migliori video del giorno

Alla fiera di Rimini, una delle vetrine del comparto turistico più importanti assieme alla Bit di Milano, era presente anche il leader degli albergatori isolani, Sergio Gargiulo, che ha sottolineato come il 2016 sia da considerarsi l’Anno Zero per il turismo isolano e le nuove iniziative che verranno portate avanti in futuro. Dopo aver annunciato un probabile accordo tra Federalberghi e una società finanziaria che si occupa di viaggi e carte di credito, Gargiulo ha confermato l'interesse anche da parte di tour operator ed agenzie turistiche e congressuali, che hanno mostrato attenzione verso il progetto e opzionato per il prossimo 2017.

"#Capri continua ad essere un modello”, ha detto il presidente degli albergatori dell'isola azzurra. Stessa soddisfazione anche da parte degli assessori al Turismo di Capri e Anacapri che hanno dichiarato di essere sulla "strada giusta di un percorso che crescerà nel corso degli anni”. E sono in tanti ad aver aderito a "Capri, una stagione in più". A Capri: Excelsior Parco, Canasta (aperto fino al 30/11), Gatto Bianco, Capri Wine Hotel, Nautilus, Quattro Stagioni, Palatium Mari, Guarracino, Villa Palomba e La Reginella.

Ad Anacapri: Bougainville, Villa Ceselle e Mediterraneo.