Nel web, sui siti di e-commerce, ma anche su quelli privati, si vendono delle bambole del tutto simili a bambini appena nati, in ogni caso in tenera età, provvisti di tanto di certificato di nascita e nome imposto. Stiamo parlando delle bambole Reborn che, in italiano significa rinascita, e che sono dilagate dapprima negli Stati Uniti e, in seguito, un po’ dappertutto. Sono pezzi unici con dei prezzi… unici. Insomma, non sono certo a buon mercato, ma sono talmente ben fatte e così verosimili che valgono il loro costo.

Fin qui tutto bene, ci sono un sacco di persone a cui piacciono le bambole, anche da adulte. Ah, perché dovete sapere che queste pupe non sono destinate a un consumatore infante, ma grandicello, sicuramente ultra maggiorenne.

Pubblicità
Pubblicità

C’è gente che ama ben altro tipo di bambole, quindi, se non ci si trova nulla di male in quel caso, a maggior ragione in questo, tenendo conto che stiamo parlando di pupattole davvero deliziose.

A un certo punto, però, dev’essere successo qualcosa: gli estimatori di questo prodotto hanno cominciato a mostrare dei segnali allarmanti. I loro pensieri sono diventati foschi e confusi ed anche le loro azioni sono diventate strane. Nelle case in cui c’è una Reborn sono apparsi interi corredini di vestitini da bambino umano da far impallidire i principini inglesi. Non paghi, i possessori hanno acquistato passeggini e carrozzine, biberon e succhiotti destinati a bambini in carne ed ossa.

Non hanno più voluto che li si chiamasse “proprietario”, ma “mamma”, a volte anche “papà”, dato che ci sono estimatori uomini, anche se molti meno rispetto alle mamm… donne.

Pubblicità

Poi si sono semplicemente buttati

Sono usciti allo scoperto aprendo pagine sui social e blog un po’ dappertutto. Si scambiano consigli come se, anziché aver acquistato una bambola, avessero partorito un bambino vero. Si scocciano se, presentando il pargolo a qualcuno, quel qualcuno non solo non capisce, ma dà ad intendere che un giro alla neuro sarebbe da considerare.

Dapprima timidamente, poi con sempre maggior sicumera, hanno iniziato a portarseli in giro, a fare la spesa, dal pediatra, al mare. Se non ci si avvicina troppo, sembrano dei bimbi veri e si può passare per genitore vero. Alcuni di essi, per festeggiare il lieto evento, hanno organizzato pranzi e distribuito confetti e bomboniere.

Insomma, non ci siamo ancora ripresi dall’umanizzazione dei chihuahua e dei jack russell e adesso ci tocca fare i conti con le bambole. Inquietante. #bambole reborn #signor distruggere