Interessanti novità dovrebbero essere introdotte nella Legge di Bilancio 2018 [VIDEO] per moltissime categorie di soggetti, in primis, da quanto è dato sapere in questo momento, per i pendolari e chi usa regolarmente i mezzi pubblici per recarsi al lavoro o a scuola. Non solo, ma sarebbe stata elevata la soglia di reddito minima per poter accedere al bonus degli 80 euro e di conseguenza far rientrare nel beneficio anche diverse altre categorie, come i dipendenti pubblici, finora escluse. Ma altre novità riguardano anche modifiche ai bonus fiscali in favore delle ristrutturazioni edilizie e lavori di manutenzione di parchi e giardini. Vediamo, quindi, di capire cosa prevede l'ultima bozza della legge di Bilancio 2018 e come, eventualmente, usufruirne.

Pubblicità
Pubblicità

Le detrazioni fiscali per l'abbonamento ai mezzi pubblici

La Legge di Bilancio 2018 inizia ufficialmente il suo iter parlamentare domani 31 ottobre 2017 al Senato della Repubblica. Comunque, continuano a trapelare le novità introdotte al suo interno e che, comunque, anche nel corso della discussione parlamentare potrebbero subire delle modifiche, è doveroso precisarlo. Comunque, al momento il testo della legge consta di 120 articoli suddivisi in 90 pagine.

Come avevamo anticipato in un altro nostro articolo, l'articolo 4 della legge di Bilancio introduce la possibilità di detrarre il 19% del costo dell'abbonamento ai mezzi pubblici, siano essi regionali o interregionali, fino ad un massimo di 250 euro all'anno. A provvedere potrà essere, direttamente, il datore di lavoro.

Pubblicità

Diversamente, se sarà il lavoratore ad acquistare l'abbonamento avrà diritto al rimborso in busta paga.

Reddito di inclusione per famiglie numerose e bonus energia

La bozza di legge di Bilancio , in discussione da domani al Senato, prevede anche un innalzamento del 10% del Rei per le famiglie numerose. In pratica l'assegno dovrebbe essere di un importo variabile tra i 530 e i 540 euro. Per questo le risorse a disposizione del Fondo contro la povertà sono state innalzate di 300 milioni per il 2018, 700 milioni per il 2019 e 665 milioni per il 2020 e 637 milioni dal 2021.

Vengono poi prorogati di un ulteriore anno i bonus fiscali relativi all'energia e all'acquisto di mobili, anche se leggermente modificati. La detrazione relativa al bonus passa dal 65% al 50% dal 1 gennaio 2018. Inoltre, il bonus è applicabile esclusivamente all'ammodernamento di infissi e finestre e il cambio degli impianti di climatizzazione. In compenso, viene introdotta la possibilità di una detrazione del 36% per la sistemazione di aree verdi e giardini privati e condominiali.

Pubblicità

Bonus 80 euro e assunzione under 30

La soglia di reddito per poter accedere al bonus degli 80 euro viene innalzata e portata fino a 26600 euro. Fondamentalmente, la misura serve a far rientrare nel beneficio anche i dipendenti pubblici che con il recente aumento contrattuale sarebbero, inevitabilmente, stati esclusi.

Infine, a valere solo sul 2018, viene introdotto lo sgravio fiscale del 50% sui contributi dei nuovi assunti con un'età inferiore ai 30 anni fino al raggiungimento di un tetto massimo di 3 mila euro l'anno per tre anni. Questo bonus, comunque, è usufruibile solo per un anno nel caso di passaggio da contratto di apprendistato a contratto a tempo indeterminato. Mentre la percentuale di detraibilità sale al 100% in caso di assunzione dell'alternanza scuola - lavoro. #Disoccupazione #Dichiarazione dei redditi #Detrazioni fiscali