Ci avviciniamo alle festività di Pasqua e nuovi #Sondaggi politici sono stati pubblicati. EMG ha reso noti i dati sulle intenzioni di voto ai partiti per conto di TG La7. Rispetto alla settimana scorsa ci sono importanti cambiamenti, con un’ulteriore flessione del Partito Democratico, mentre nel Centrodestra c’è una importante crescita da parte di tutti. Lieve calo del Movimento 5 Stelle, che pur restando al comando, sembra non convincere gli italiani secondo IPR Marketing. Di seguito scopriremo tutti i dettagli.

EMG: Lega Nord e Forza Italia salgono

Al comando c’è il #M5S con il 30,5% (-0,1%), dopodiché troviamo il #Pd con il 26,6% (-0,4%).

Pubblicità
Pubblicità

Riprendono la marcia Lega Nord e Forza Italia, entrambi in salita dello 0,4%, rispettivamente quotati al 12,7% e al 12,4%. La crescita nell’area di Centrodestra coinvolge pure Fratelli d’Italia (+0,2%), che si attesta al 4,9%. Leggero incremento anche per Democratici e Progressisti (+0,1%), quotati al 3,7%, mentre è al ribasso Alternativa Popolare (-0,2%), che scende al 2,9%. Rimane immutato il valore di Sinistra Italiana (1,7%), dopodiché si chiude con gli altri al 4,6% (-0,4%). Il Centrodestra raccoglie in totale il 30%, perciò si porta in scia del movimento pentastellato.

DEMOPOLIS: Matteo Renzi insegue il M5S

Simile è lo scenario riscontrato da DEMOPOLIS per L’Espresso. A guardare tutti dall’alto abbiamo il movimento di Beppe Grillo con il 30,2%, dopodiché c’è il partito di Matteo Renzi al 26,5%.

Pubblicità

Viaggiano pressoché fianco a fianco Matteo Salvini e Silvio Berlusconi, l’uno al 12,7% e l’altro al 12,3%, mentre FdI-AN si trova al 5%. Poco più indietro figura MDP (4,5%), seguito da AP (3,1%) e SI (2,5%). Le restanti liste sono sotto il 2%. Il dato relativo all’affluenza alle urne è del 66%.

IPR: M5S inadatto a guidare il Governo

Secondo quanto emerge dalla rilevazione di IPR, il M5S sarebbe inadatto a governare per il 55% degli intervistati. Il 53% crede che il prossimo Premier sia un esponente grillino. L’istituto di ricerche riscontra un aumento delle quote di disoccupati, pensionati, manager e docenti che votano per i pentastellati, movimento che piace sia a destra, che a sinistra. Infatti, il 42% dei cittadini ha dichiarato di votare M5S per protestare contro gli altri partiti, soltanto il 38% lo appoggia condividendo ideali e progetti. Prima di lasciarvi, vi invitiamo a seguirci per avere altri aggiornamenti sui sondaggi elettorali.