I migranti ospiti delle strutture che insistono nella città di Avola nel siracusano hanno deciso di effettuare volontariamente la pulizia delle spiagge. Armati di sacchetti e guanti, circa dieci giovani migranti hanno raggiunto a piedi gli arenili e hanno cominciato a fare pulizia. Spazzatura di ogni genere, non solo quella portata dal mare ma anche quella abbandonata dagli incivili dopo pic-nic e scampagnate.

I giovani provenienti tutti dall'Africa hanno deciso di mettere in atto un gesto di grande civiltà ripulendo tutto anche dalle erbacce e di quanto deturpava la spiaggia.

Piccoli gesti ma pieni di significato, i giovani migranti che hanno attraversato il mar Mediterraneo rischiando di morire nella speranza di una vita migliore, fuggendo da guerra e fame, hanno voluto lanciare dei messaggi e dare dei segni. Grande senso civico e voglia di integrazione, questo è quanto hanno dimostrato i giovani che sono scesi in spiaggia per pulire.

I migranti ospiti di una delle comunità del sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati hanno dovuto sfidare pregiudizi e preconcetti in passato, magari nutriti da conterranei che non hanno dimostrato il loro stesso senso civico e della legalità, ma non hanno desistito. Lo scorso mese di novembre alcuni immigrati ospiti dello Sprar di Avola furono aggrediti e costretti a barricarsi all'interno della comunità.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Ambiente

Alcuni giovani avolesi, che la polizia identificò e denunciò nelle settimane successive, lanciarono sassi e spazzatura nei confronti della struttura dove i migranti erano ospitati. La comunità avolese si è indignata per la violenza nei confronti degli immigrati rivolgendo piena solidarietà.

A qualche mese di distanza i giovani immigrati hanno voluto fare un gesto per la città, per la comunità avolese, decidendo di ripulire da cima a fondo la spiaggia. Iniziativa che è stata accolta con gli apprezzamenti dell'intera città con in testa il primo cittadino: "Pulizia delle spiagge un grande gesto di volontariato e di integrazione - ha detto il sindaco di Avola, Luca Cannata - con i ragazzi extracomunitari ospiti delle comunità avolesi.

Rispetto per l'Ambiente e riconoscimento dei valori umani: ecco il modello di città che stiamo costruendo".

La Sicilia è il fronte che accoglie le migliaia di migranti che affrontano la traversata del mar Mediterraneo a bordo di carrette del mare. Spesso storie di morte, di sopraffazione, di sfruttamento ma ci sono storie, come quelle di Avola, che sono del tutto positive. Storie da valorizzare e da prendere ad esempio per un modello di integrazione fatto di passi vicendevoli, l'uno verso l'altro, di culture diverse e che si trovano a convivere negli stessi territori.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto