Come sarà il tempo questo inverno? Avremo un clima freddo oppure mite? La neve cadrà copiosa anche in pianura? Questo è quello che molti italiani si chiedono, nonostante siamo ancora lontani del vedere entrare in vigore la stagione invernale. È da poco iniziato l’autunno che già si getta l’occhio più in là nel tempo, cercando di scoprire cosa ci attenderà nei prossimi mesi. Il dibattito sulla questione divide un po’. C’è chi sostiene che avremo un inverno rigido, spiegando anche il perché di tutto questo, e chi invece rivela che l’incremento delle temperature del pianeta porteranno ad avere una stagione mite.

A chi credere? Sarebbe opportuno dubitare di entrambe le opinioni, aspettando tempi migliori in cui le previsioni meteo sarà decisamente più attendibili. Nonostante questo, però, scopriamo cosa ci dicono gli esperti che hanno analizzato mappe e modelli climatici.

Previsioni del tempo inverno 2016 con l’incognita El Niño

Il colonnello Mario Giuliacci ha pubblicato una serie di articoli sul suo portale ufficiale, parlando proprio della situazione termica che ci attenderà durante la prossima stagione invernale. Il clima dell’Europa, compresa l’Italia, subirà delle conseguenze per via della ‘stanchezza’ della corrente del Golfo. Quest’ultima darà meno apporto di calore al Nord Atlantico, causando un raffreddamento delle acque oceaniche.

Secondo il sito web meteogiuliacci.it, avremo un abbassamento di 3° C. Così facendo, il Vecchio Continente dovrà far fronte ad un periodo particolarmente rigido e nevoso. Un’altra possibile causa, menzionata sempre dal colonnello, potrebbe essere attribuita agli effetti di El Niño, che quest’anno è particolarmente forte. Quest’ultimo agevolerà le incursioni fredde provenienti dall’Artico, fino a latitudini basse, proprio come lo è il Belpaese.

A parlare di inverno più freddo rispetto alla media non sono altri esperti meteorologi. Infatti, ci sono alcuni che sostengono l’esatto contrario di quanto sostiene Giuliacci.

Ilmeteo.it è giunto a conclusioni differenti dopo aver analizzato i modelli climatici ECMWF. Il noto portale sottolinea come quest’anno ci sarà un incremento termico sino a 2° C nel periodo a cavallo tra la fine dell’autunno e l’inizio dell’inverno.

In alcune zone d’Italia si avrà un clima decisamente più mite, senza troppi eccessi in quelle restanti. La stagione fredda dovrebbe essere nella norma sia per quanto riguarda i valori delle temperature, che le precipitazioni a carattere nevoso anche nei mesi di gennaio e febbraio. I fiocchi di neve cadranno sui rilievi alpini e appenninici come al solito, ma nulla di eccezionale. Qualche incursione fredda potrebbe portare ad imbiancarsi anche alcune zone a quote basse del centro-nord, ma in maniera sporadica. A questo punto non ci resta che attendere i prossimi aggiornamenti sulle previsioni del tempo che ci attenderanno nei mesi invernali, così capiremo se avrà avuto ragione il colonnello Giuliacci oppure no.