'Siamo certi che questo Governo vorrà ascoltare le nostre richieste e adeguare la Carta costituzionale, come già avvenuto in altri Paesi'. Sono queste le parole dell'onorevole Michela Vittoria Brambilla, presidente dell'intergruppo parlamentare per i diritti degli animali e della Leidaa, Lega Italiana per la difesa degli animali e dell'ambiente, con cui dà voce alle associazioni più importanti quali Enpa, Lav, Leidaa, appunto, Lndc e Oipa, unificate, a partire dal 2012, nella Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente per chiedere al Governo di intervenire, introducendo nella Costituzione, norme ad hoc.

In una lettera inviata al presidente del Consiglio Mario Draghi e alla sua squadra di Governo, si chiede l'inserimento all'articolo 9 della Costituzione, della tutela non solo del patrimonio paesaggistico e storico dell'Italia, ma anche degli ecosistemi, biodiversità e degli animali, i quali sono a tutti gli effetti 'esseri senzienti'.

Il cofinanziamento di progetti specifici da inserire nel nuovo Piano Nazionale di ripresa e resilienza

Gli attivisti domandano, inoltre, che vi sia il cofinanziamento di progetti mirati da inserire nel nuovo Piano Nazionale di ripresa e resilienza per la protezione degli animali e dell'ambiente, puntando sulle dichiarazioni rese dal Governo al momento del suo insediamento, autoproclamandosi 'ambientalista'.

Sono in tutto sessanta i principali gruppi di categoria rappresentati, che hanno invocato, infine, un incontro con il Presidente Draghi e il Ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani, ritenendo questa, come si legge, al termine della missiva, un'opportunità storica e non più rimandabile, soprattutto "nell'interesse delle future generazioni" e ispirandosi al modello tedesco, che ha provveduto a includere esplicitamente nella propria Carta Costituzionale, all'articolo 20a, la "tutela degli ecosistemi, delle biodiversità e degli animali".

Sempre l'onorevole Michela Vittoria Brambilla ha poi specificato che 'La Leidaa interpreta le istanze di quei 32 milioni di italiani che convivono almeno con un animale domestico e che guardano a tutte le associazioni come a un punto di riferimento'. Argomento, quello della tutela degli animali, che gli attivisti, cercano di portare all'attenzione delle istituzioni da molti anni e oggetto di numerosi disegni di legge costituzionale, esaminati dalla competente commissione del Senato.

Questo tema è stato preso in grande considerazione anche dall'Unione Europea, che ha assunto in proposito una posizione chiara, attraverso il Trattato di Lisbona, definendo gli animali 'esseri senzienti'.

Segui la pagina Politica
Segui
Segui la pagina Ambiente
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!