Che Alessandro Matri stia attraversando un periodo di vacche magre è sotto gli occhi di tutti. Quando era alla Juve era l'attaccante con la miglior media realizzativa in rapporto ai minuti giocati. Al Milan invece in quasi seicento minuti in campo non è ancora riuscito a segnare un gol. Le colpe sono diverse, e vanno dalla non perfetta condizione fisica raggiunta ancora dal giocatore al periodo di forma attraversato dalla squadra di Allegri in generale. In casa Milan però iniziano a farsi due conti e non sono particolarmente felici per Matri. 

Acquistato neanche due mesi fa dalla Juve in cambio di 11 milioni di euro (più di Tevez per intenderci), l'ex calciatore del Cagliari rischia di diventare per la società rossonera una minus valenza catastrofica.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Milan

La dirigenza di Via Turati starebbe pensando ad una clamorosa cessione già a partire dalla prossima finestra di mercato invernale, in modo che il prezzo del cartellino non subisca una flessione ulteriore durante il girone di ritorno, nel caso i gol dovessero continuare a mancare.

Per giunta rema contro Matri anche il recupero di Giampaolo Pazzini, attaccante che lo scorso anno si rivelò arma preziosa proprio in assenza di Mario Balotelli, ma anche al fianco del fuoriclasse azzurro, tanto da essere rimpianto più volte nel corso di quest'estate dal tecnico Massimiliano Allegri. Tra meno di un mese il nativo di Pescia tornerà a disposizione del mister e se Matri non avrà ancora ritrovato il feeling col gol difficilmente il tecnico livornese continuerà a concedere opportunità al suo ex pupillo ai tempi del Cagliari.