Alla fine è arrivata, una vera e propria stangata. Come un fulmine a cielsereno, anche se parlare di ‘fulmine’ è alquanto riduttivo. Ben 60 milioni dieuro di multa alla formazione di Manchester. È la prima vittima dal fair playfinanziario voluto dall’Uefa ed appoggiato in lungo ed in largo da Michel Platini.Ma non finisce qui, i ‘citizens’ non solo dovranno pagare la multa ma per laprossima Champions dovranno ridurre la propria rosa da 25 a 21 giocatori.

Il fair play finanziario è stato introdotto nel settembredel 2009 e ha come obiettivo quello di estinguere i debiti delle societàcalcistiche basandosi su tre punti fondamentali: nessuna presenza di debiti; fornituradi informazioni finanziarie a lungo termine; obbligo di pareggio di bilancio.

Nel 2013 società come il Malaga, l’Hajduk Spalato, Rapid Bucarest, Dinamo Bucarest e PartizanBelgrado erano state estromesse dalle competizioni europee a causa dei mancati pagamenti di stipendi arretrati.

La squadra inglese dovrà pagare la multarateizzata in tre anni. A questo punto bisogna da capire se queste misureadottate dall’Uefa saranno mantenute. Sicuramente il club di Manchester faràricorso e l’intera situazione porterà con sé diversi strascichi.

Solo nella prossima settimana si comincerà a dialogare. La notizianon è delle migliori per gli altri club europei, Barcellona e Paris SaintGermain su tutti.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Champions League

Proprio queste due società figurano nel tabellino di MichelPlatini rei di non aver osservato le regole imposte dal fairplay finanziario. 

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto