Tra poche ore in Brasile si accenderanno i riflettori sulla 20esima edizione del Mondiale 2014 ed  è magnifica la scelta di far battere il calcio d’inizio ad un adolescente paraplegico, che nonostante la paralisi, grazie a un esoscheletro guidato dagli impulsi nervosi dello stesso ragazzo, si alzerà sulle sue gambe per calciare il pallone.

Le novità tecnologiche e non solo sono tante:

  • Per la prima volta ad un mondiale assisteremo all’uso del goal-line technology: vari computer assieme a 14 telecamere vigileranno attentamente sulle reti e valuteranno se il pallone è entrato in rete o no per evitare i goal fantasma, mentre droni e robot, affiancheranno gli uomini della sicurezza
  • Gli arbitri segneranno sul terreno di gioco i punti da cui avverranno i calci di punizione tramite una speciale bomboletta di vernice spray, che nel giro di un minuto, non lascerà alcuna traccia sul campo. Inoltre un medico Fifa, in caso condizioni climatiche avverse e proibitive, soprattutto nei casi in cui il caldo diventi insopportabile, potrà decidere per il time-out anti caldo
  • Tutti i 12 stadi coinvolti nella competizione sono provvisti di tecnologia 4G per i collegamenti Internet e la copertura wi-fi ci sarà in tutte le città
  • Le varie squadre in gara, riguardo alle sistemazioni in hotel, hanno fatto richieste particolari: i giocatori giapponesi hanno voluto in ogni stanza l’ idromassaggio, i portoghesi hanno chiesto dei videogiochi, l’Algeria una copia del Corano in ogni camera, i francesi si sono rifiutati di usare le classiche saponette e hanno voluto il sapone liquido in bagno, la squadra dell’Ecuador vuole una fornitura di banane giornaliera, naturalmente provenienti dal proprio Paese
  • A marzo scorso è andato in onda un nuovo episodio dei Simpson ambientato dei Mondiali 2014
  • Ben 5 giocatori brasiliani giocheranno contro il Brasile perché militano in altre Nazionali
  • Alla squadra italiana guidata dall’allenatore Cesare Prandelli è stato consigliato un uso moderato di qualsiasi social network durante i giorni della competizione
  • Dopo i Mondiali lo stadio di Manaus, Arena Amazonia, che può contenere fino a 44 mila persone, potrebbe diventare temporaneamente un carcere, per venire incontro al problema del sovraffollamento delle prigioni brasiliane

Come si intuisce, questo che sta per iniziare è il Mondiale più costoso mai esistito nella storia del calcio. È un paradosso, tenendo conto della piaga della povertà che strazia gran parte della popolazione brasiliana, la stessa che del calcio ne ha fatto il gioco più bello del Mondo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto