Atletico Madrid-Juventus, partita valevole per il secondo turno a gironi della Champions League 2014-15, si disputerà mercoledì 1 ottobre all'orario prestabilito dalla commissione Uefa delle 20:45 e sarà trasmessa in diretta tv in chiaro da Mediaset, su canale 5, per la gioia di tutti i tifosi bianconeri e non solo. La partita, che promette 90 minuti di gioco intenso e spettacolare, sarà diretta dall'arbitro di nazionalità tedesca Felix Brych, classe 1975, conosciuto suo malgrado dagli appassionati calciofili per aver erroneamente assegnato al giocatore Kiessling, nella contestata partita tra Hoffenheim e Leverkusen, un gol praticamente inesistente; ci auguriamo quindi non commetta un errore del genere anche in questo importantissimo match calcistico.

La partita Atletico Madrid-Juventus di mercoledì si giocherà in terreno spagnolo e precisamente a Madrid nello stadio dedicato a Vicente Calderon, che può ospitare al suo interno ben 54.907 tifosi. L'incontro si presenta come un match davvero entusiasmante e soprattutto di difficile previsione in quanto entrambe le squadre sono state campioni nei rispettivi campionati lo scorso anno. Una sfida tra giganti dunque, dove i campioni di Spagna e quelli d'Italia si sfideranno in una partita che promette spettacolo. La Juventus non ha ancora perso la sua voglia di vincere anche se ha al suo attivo solo 2 vittorie nella competizione: 5 volte infatti è comunque arrivata sul podio con il secondo posto. 

Dal canto suo l'Atletico Madrid ha invece al suo attivo solo 2 seconde posizioni.

I migliori video del giorno

 Atletico Madrid-Juventus sarà trasmessa all'orario prestabilito dalla commissione Uefa, le 20:45, esclusivamente in chiaro da Mediaset, su Canale 5, che ne ha acquistato i diritti di trasmissione. L'arbitro Brych che, ricordiamo ha arbitrato anche l'ultima finale di Europa League tra Siviglia e Benfica, sarà affiancato dagli assistenti Stefan Lupp e Mark Borsch, anch'essi tedeschi. L'anno scorso la Champions League andò al Real Madrid, dopo un derby tutto spagnolo che lasciò all'Atletico l'amaro in bocca per il secondo posto conquistato.