Settimana mediaticamente impegnativa per la dirigenza Inter di Erik Thoir. Ad un certo punto, sembrava di essere tornati indietro negli anni d'oro del "aspetta sulla porta Moratti che qualcosa salta fuori"; visto che l'Inter ha qualche milioncino di supporters sparsi per il mondo, possiamo riempire i buchi dei quotidiani. Del resto l'ultima uscita di Massimo Moratti, dove l'ex presidente ha voluto fare un po' di capricci perchè ET sta facendo fuori gli uomini a lui più vicini, e qualcuno nel Cda ha osato ricordagli che ha lasciato un buco da oltre 100 milioni di euro. Ha ingolosito qualche collega giornalista.

Thoir - vedi anche l'affaire Guarin-Vucinic- ha dimostrato di non essere affatto uno sprovveduto.

Né lui né i nuovi componenti della dirigenza, di cui fanno parte manager che hanno risanato i conti del Manchester Utd o contribuito ai successi di Apple. Così giusto per ricordare che l'attuale presidente, non sembra abbia assunto parenti o amici del bridge. Sta effettivamente tutelando l'antipatico Walter Mazzarri, inviando messaggi chiari a stampa, tifosi e squadra che non sono loro a decidere la guida tecnica dell'Inter. Thoir ha l'inedita (in casa nerazzurra) abitudine a non lasciar cadere nel vuoto dichiarazioni lesive nei confronti della società.

Un piccolo capolavoro è stato il comunicato stampa in risposta agli improvvidi- e soprattutto non richiesti- commenti del presidente juventino, in relazione alla vicenda Moratti. Agnelli il giovine aveva detto che "Moratti per amore aveva accettato uno scudetto mai vinto".

I migliori video del giorno

La risposta dello staff Inter è tagliente e velenosa "La Juve retrocesse in B, insieme alla sua reputazione". Tanto da imbufalire Marotta, ancora alla ricerca di giustificazioni su sentenze e squalifiche a vita. Ma questa freddura è stata incensata dagli interisti. Ferrero, il clownesco presidente della Sampdoria, dopo aver fatto battute di dubbio gusto sulle origini etniche di ET, ha fatto un frettoloso dietro front, dopo le minaccie di querela da perte del presidente che piano piano, si sta facendo un pò di posto nei cuori nerazzurri.