Marco Materazzi chiama, Alessandro Nesta risponde. L'ex difensore di Lazio, Milan e della Nazionale Italiana, dopo l'avventura in Canada nei Montreal Impacts, aveva deciso di ritirarsi dal calcio giocato ma dopo solo un anno di inattività accetta la chiamata dall'India del compagno di nazionale Marco Materazzi, ora allenatore e giocatore del Chennaiyin FC. E' l'allenatore stesso a confermarlo in conferenza stampa, "è fatta" ha dichiarato Materazzi, "sostituirà Mendoza ma non so quando arriverà per via del visto ma giocherà qui", ha continuato Materazzi. Secondo i giornali indiani, Alessandro Nesta dovrebbe essere in India il 5 dicenbre subito dopo aver giocato a Bangkok in una partita di beneficenza.

Molti sui vecchi compagni di dove ha giocato Nesta, hanno voluto augurargli un buon ritorno nel rettangolo verde, tra questi Christian Brocchi, ora allenatore della primavera del Milan, alla quale ha mandato un messaggio dicendogli: "Sandrino, se mi avessi detto che volevi giocare ancora ti avrei preso io! Posso usare un fuori quota".

Alessandro Nesta ritroverà, nella sua nuova squadra capolista in India, anche una vecchia conoscenza del calcio italiano, il difensore francese Mikael Silvestre e si ritroverà giocare contro Del piero e Trezeguet, ma anche contro altri giocatori conosciuti in Europa come Elano e Pires; insomma, forse Nesta non ha saputo resistere al fascino della lega indiana, nuova sì, ma con molto fascino visto l'ingaggio, da parte delle squadre che vi partecipano, di molte stelle del calcio europeo e mondiale.

I migliori video del giorno

Nuova sfida, quindi, per uno dei difensori italiani più forti di sempre, anche se per via dei suoi sfortunati infortuni non ha potuto essere spesso al 100%. Riuscirà dopo aver vinto un mondiale, tre scudetti, tre Coppe Italia, una coppa delle coppe, due supercoppe europee, due Champions League ed un Mondiale per club ad alzare qualche altro trofeo e a vincere altri scudetti? Certo, il palmares già è ampio, ma quando si scende in campo la voglia di vincere non manca mai. Buona fortuna Sandro, per questa ennesima avventura.