A volte ritornano. E sta per tornare anche lui in campo, dopo che alla fine del 2014 aveva detto, non senza polemiche, addio al Parma. Stiamo parlando di Antonio Cassano, detto anche "el pibe de Bari" e "Fantantonio", poiché mancherebbe solo l'ufficialità, dopo una stretta di mano con il vulcanico presidente blucerchiato Ferrero, per vestire ancora una volta la maglia della Sampdoria. L'ufficialità, secondo quanto riportano i quotidiani sportivi più accreditati, sarebbe legata al disimpegno di Eto'o.

Pubblicità
Pubblicità

La sua carriera

Cassano ha già giocato nella Sampdoria dal 2007 al 2011, collezionando 96 presenze in campionato e segnando 35 reti. Campione di elevato rango, tecnicamente perfetto e geniale nel gioco, ha avuto la fortuna di vestire le maglie, dopo quella del Bari, che lo fece conoscere giovanissimo al grande pubblico (memorabile il gol all'esordio in Serie A contro l'Inter, a Milano), della Roma (118 presenze e 39 gol, dal 1999 al 2006), del Real Madrid (2 gol in appena 19 presenze nell'esperienza spagnola dal 2006 al 2007) e, dopo le proficue stagioni alla Sampdoria, del Milan (7 gol in 33 presenze), dell'Inter (anche qui 7 reti, in 28 presenze) e, infine, del Parma (dal 2013, 53 presenze e 17 reti).

Pubblicità

Croce e delizia 

Campione dal carattere particolare, che ha pesato spesso nelle valutazioni di affidabilità da parte dei suoi allenatori, con l'ultima chance in Nazionale datagli da Prandelli ai disastrosi mondiali brasiliani (39 presenze in tutto tra i moschettieri, con 10 reti, l'ultima presenza il 24 giugno 2014 nella sciagurata partita persa contro l'Uruguay). Ora a Genova, dove ha sempre detto di trovarsi bene, Cassano trova un nuovo allenatore, Walter Zenga, e un presidente eclettico come Ferrero.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Serie A Calciomercato

E potrebbe anche ritrovare, secondo i rumors del Calciomercato, anche Mario Balotelli, altro campione "di carattere", ora ai margini del calcio italiano, con il quale formava sino a un anno fa la coppia di attaccanti della Nazionale. Per tutti e due spesso si è usato scrivere "croce e delizia". A volte tornano, e potrebbe anche essere solo delizia.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto