Vidal non si placa. Altro incidente e rientro a casa prematuro. Il Cile stavolta non ci sta e in pieno ritiro lo rispedisce al mittente. E' questa in sintesi il nuovo capitolo del Guerriero, da pochi mesi al Bayern Monaco, che la scorsa notte dopo una serata molto movimentata è tornato a casa ubriaco scatenando l'ira dei maggiori della nazionale cilena.In realtà la società neo campione d'America ha dato un altro motivo, giustificando la partenzaper "motivi personali".

Ad incastrarlo, però, ci sarebbero due testimoni che giurano di averlo visto all'albaall'interno del Casinò Monticello, quello all'uscita del quale l'ex giocatore della Juventus fu coinvolto nell'incidente dello scorso giugno.

A Santiago del Chile non hanno dubbi ed è già scoppiato un nuovo caso mediatico che sta rimettendo in discussione l'utilità morale di un giocatore che continua a perseverare.

La Roja sta preparando, infatti il match amichevole di sabato col Paraguay e da oggi dovrà fare a meno del suo Guerriero.L'ex Juve nel frattempoè tornato a Monaco dove il suo primogenito Alonso sarà operato per curare il diabete, malattia che si porta dietro sin dalla nascita. A testimoniarlo un tweet con una foto che lo ritrae con il preparatore atletico del Bayern in tutta la sua tranquillità.

L'ultimo precedente risale allo scorso 16 giugno quando con la sua Ferrari 458, di ritorno sempre dal Casinò e in compagnia della moglie, si schiantòall’ingresso sud della capitale a Santiago de Chile.

La fuoriserie andò completamente distrutta e lui fu arrestato. SuccessivamenteVidal fusottoposto a un esame che rilevò un tasso alcolico superiore alla norma. Dopo il processo che decretò il ritiro della patente e l’obbligo di firma presso il consolato del Cile a Milano.

Caso internazionale che lui stesso giustificò con tweet dove si scusò concompagni, giocatori, dirigenti, l'intero paese e le persone coinvolte nella collisione.

Scuse che questa volta non sono servite. Il Cile per coprire l'ennesimo capitolo della saga Vidal ha nascosto tutto. Basterà per far smettere Vidal?

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto