Lotito va avanti con Fabiani. La scelta era ardua per il patron della Lazio visto che Fabiani da due anni mezzo ricopre il ruolo di presidente facente funzione della Salernitana.Èilpunto di riferimento di una proprietà spesso distante dalle problematiche salernitane e costretta a delegare per poter gestire una situazione che, comunque, si è fatta incandescente. Nonostante i risultati, alcune scelte di mercato discutibili ed altre situazioni gestionali, la Salernitanava avanti conil romano perché non è facile individuare in questa fase un altro alter ego del duo presidenziale.

Il patron legato al "presidente facente funzioni"

Di conseguenza fiducia a Torrente almeno fino alla partita con il Bresciacon la speranza di aggiustare la rotta, in un caso, o se dovesse andar male, di trovare un'intesa con l'ex allenatore Menichini per alleggerire il monte stipendi e poter trovare l'intesa con un altro allenatore individuato da Lotito e avallato dall'attuale dg granata. Il prescelto, in caso di esonero, dovrebbe essere Alessandro Calori. Quest'ultimo evoca ricordi non proprio esaltanti ai tifosi della Salernitana legati all'anno della serie A. Un equilibrismo che potrebbe costare caro ad una Salernitana che avrebbe bisogno di decisioni immediate e non di continui rinvii in attesa che qualcunofaccio un passo indietro.

All'orizzonte c'è il Brescia del baby fenomeno Morosini e dell'intramontabile "airone" Caracciolo.

Arrivail sorprendente Brescia di Boscaglia

La giovane e sorprendente formazione lombarda esprime un gioco gradevole grazie all'ottimo lavoro di Boscaglia. L'ex tecnico del Trapani, accostato anche alla Salernitana a giugno, si sta togliendo non poche soddisfazioni dopo essere stato accolto con un certo scetticismo.

Una scommessa vinta dal ripescato Brescia che, con poco tempo a disposizione, contrariamente al club granata, è riuscito ad assemblare un team in grado di affrontare il campionato cadetto. Torrente, difeso a spada tratta, dovrebbe poter contare su nuovi innesti. Tra questi il difensore Edson Braafheidche alla Lazio ha trovato poco spazio e che ha giocato uno spezzone della finale mondiale del 2010. Maurizio Lanzaro, invece, ha ufficialmente svestito la casaccagranata. Si trasferirà a Foggia.