Essere eroi! Questo doveva fare la Juventus nella gara dell'Allianz Arena, contro i mostri sacri del Bayern Monaco e così è stato. La gara di Monaco, aldilà del risultato e dell'eliminazione dei bianconeri, ha decretato una sentenza importante: questa Juventus ha giocato alla pari del Bayern e a livello di organico non ha nulla da invidiare ai bavaresi. E' vero che i cambi della squadra di Pep Guardiola hanno fatto la differenza, ma qualcuno ha dimenticato troppo in fretta che nella Juventus di ieri sera mancavano Dybala, Marchisio, Chiellini e Mandzukic, entrato a 20' dalla fine in condizioni precarie.

Juve protagonista nel primo tempo, sofferente nel secondo

La partita per i bianconeri inizia nel migliore dei modi: dopo solo 5' minuti Pogba sfrutta un pasticcio della difesa bavarese e insacca di precisione. La Juventus si difende ordinata e compatta. Viene annullato un gol regolarissimo a Morata. Juventus che comunque risponde alla grande e così al 28' dopo esser partito dalla difesa, Morata serve Cuadrado che dopo un dribbling insacca alle spalle di Neuer.

Si chiude il primo tempo con la Juventus in vantaggio per 0-2. Nella ripresa Juventus rintanata nella sua metà campo pronta a sfruttare le ripartenza di Morata e Cuadrado. Sontuosa la prestazione anche di Alex Sandro sulla sinistra, confermandosi uno dei miglior terzini in Europa. Purtroppo però la differenza per il Bayern l'hanno fatta i cambi: Guardiola inserisce Bernat e Coman ed infine Thiago Alcantara.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Juventus Champions League

Ma è proprio l'ex Juve, Coman a spaccare la partita in due: prima con un cross serve Lewandowski che accorcia le distanze, poi propizia il pareggio del Bayern al 91' con Muller. Infine nei tempi supplementari, prima Thiago Alcantara e poi lo stesso Coman, portano il Bayern sul definitvo 4-2. Sicuramente un risultato che non rispecchia le prestazioni dei bianconeri. Al netto delle due partite, ci sono stati molti errori arbitrali per la Juventus. Il Bayern, inoltre, non è apparso così insormontabile come sembrava essere.

Allegri: da capolavoro tattico a cambi sbagliati

Il giorno dopo tutti si interrogano come la Juventus abbia potuto perdere una partita che sinceramente avrebbe meritato un esisto diverso. Lo stesso Guardiola era incredulo e nel post gara ha affermato: "Mai avrei immaginato di passare dopo lo 0-2 e di riuscire a fare 4 gol ad una squadra italiana" e poi "La Juventus è troppo grande per attaccarsi agli errori arbitrali".  L'unica cosa che si può rimproverare al tecnico juventino Max Allegri sono stati i cambi: perché togliere un Morata devastante al 70' per un Mandzukic a mezzo servizio?

Perché togliere Khedira e non Hernanes? Insomma qualche colpa sui cambi Massimiliano Allegri potrebbe averla. Ora la Juventus deve rituffarsi immediatamente in campionato provando a vincere il 5°scudetto consecutivo e la Coppa Italia. Bisogna gettarsi alle spalle questa amara sconfitta.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto