Ritorno in Inghilterra per Rafa Benitez. Il tecnico spagnolo, dopo essersi lasciato ormai alle spalle la parentesi al Real, è pronto per ritornare a sedere in panchina. In giornata infatti, è arrivato l'annuncio ufficiale da parte del Newcastle, che ha esonerato il tecnico Steve Mcclaren ed ha assunto l'allenatore spagnolo.

Una situazione disastrosa

Nonostante un organico ed una lunga tradizione alle spalle, finora la stagione del Newcastle è stata completamente disastrosa. Sono soltanto 24 i punti raccolti in 28 partite per il team che attualmente si trova al diciannovesimo posto in classifica, penultimo nella Premier League.

Giocatori e tifosi sono con il morale a terra e la squadra scende in campo senza un gioco preciso e senza geometria nonostante abbia in rosa talenti del calibro dello spagnolo Ayoze Perez, il trequartista olandese Wijnaldum e gli ultimi due acquisti di gennaio Henri Saivet, esterno offensivo francese, e Doumbia, attaccante ivoriano ex Roma.

Ritorno in Premier

Come detto prima, l'allenatore spagnolo è di ritorno in Premier League, visto che dal 2004 al 2010 è stato allenatore del Liverpool, dove è riuscito a conquistare una Coppa d'Inghilterra, un Community Shield, una Champions League ed una Supercoppa Europea. Inoltre nella stagione 2012-2013 è stato allenatore del Chelsea e con i "Blues" ha conquistato un Europa League.

Ora si cerca il miracolo

Per Benitez quindi, si tratta di ricercare una vera e propria impresa, cioè quella di giungere alla salvezza con i suoi "Magpies". Il Newcastle intanto deve recuperare una partita, in casa contro il Manchester City. Nella prossima giornata invece affronterà il Leicester e spererà in un passo falso delle dirette concorrenti allo scontro salvezza, ovvero Norwich City, lo Swansea di Guidolin e gli acerrimi rivali del Sunderland che si trovano al diciassettesimo posto in classifica, fuori dalla zona retrocessione, un punto in più della nuova squadra di Benitez. Non resta che fare gli auguri al mister spagnolo, augurandogli appunto di riuscire a compiere un vero e proprio miracolo con una delle squadre più antiche d'Inghilterra.