Mentre i giornali si popolano di notizie su presunte cene da 1500 euro a persona, che potrebbero essere reali oppure no ma poco cambia nella sostanza, scrivo questo pezzo per descrivere la situazione ad oggi che c'è tra la Fiorentina ed il suo allenatore: Paulo Sousa.

Il tecnico portoghese ha potenzialmente altri 2 anni di contratto con la Viola: 1 sicuro, più un'opzione per un altro ancora che la Fiorentina può far valere unilateralmente, stando alle varie clausole del suo contratto. Ma la sensazione chiara è che non si ripeterà assolutamente la disgustosa e lenta agonia vissuta lo scorso anno con Montella.

Le 2 parti, la Fiorentina ed il suo attuale allenatore, decideranno di andare avanti insieme o di rompere (Sousa in quel caso finirebbe all'Estero e non comunque in Italia) con il sorriso sulle labbra ed una stretta di mano a sancire una decisione presa di comune accordo.

La Fiorentina è rimasta delusa da certe dichiarazioni pubbliche di Pauo Sousa a Gennaio (Diego della Valle soprattutto), di alcune scelte di formazione bizzarre prese in certune partite e del crollo di quest'ultimo periodo, ma riconosce obiettivamente che per la rosa a disposizione il tecnico portoghese ha fin qui nel complesso fatto più di quanto ci si aspettasse. Quindi a meno di ulteriori crolli clamorosi, vuole confermare il tecnico portoghese, certa che dopo un anno di esperienza in Italia, potrà dare ancora di più alla Fiorentina nella prossima stagione.

E Paulo Sousa? Inutile negare che lui sia un tecnico ed una persona molto ambiziosa, che tale voglia di crescere sempre e comunque a livello professionale lo abbia portato già in passato a cambiare spesso squadra dopo una sola stagione, nonostante contratti ben più lunghi, e di certo nessuno si aspettava da lui quando è arrivato, che fosse rimasto a Firenze per molto tempo.

Allo stesso tempo però come non comprendere dal suo punto di vista i mal di pancia per un mercato non all'altezza dopo 18 giornate da scudetto, nonostante una rosa con diversi limiti? Ed allora l'idea di cambiare a fine stagione è ben presente nella sua testa.

Credo che alla fine l'importante sarà che in questa vicenda non ne escano persone perbene e delinquenti, traditori ed onesti, che insomma qualunque decisione verrà presa insieme, non si dovrà per forza identificare una parte con la ragione ed una col torto.

I contratti si rispettano, ma anche l'ambizione personale va compresa, così come è giusto sognare, ma non si possono chiedere sforzi non praticabili ad una Società che per bacino d'utenza guadagna 1/3 delle big del nostro Campionato.

Per una volta insomma, ma so che è una speranza vana, mi auguro che non ci divideremo in leccavalle e rosiconi, ma che accetteremo con il sorriso qualunque decisione arriverà, con la consapevolezza che alla fine dei giochi, presidenti, dirigenti ed allenatori passano, solo la maglia resta!

Segui la pagina Fiorentina
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!