Il Portogallo si conferma formazione di tutto rispetto e rappresenta, insieme alla Svezia, la "grande speranza" del vecchio continente nel Torneo Olimpico di calcio maschile. I lusitani hanno battuto con pieno merito l'Argentina mentre ha deluso il favorito Brasile padrone di casa, fermato sullo 0-0 dal Sudafrica. Sono queste le note da evidenziare nella prima giornata della fase a gironi che ha preso il via in anticipo rispetto alla cerimonia inaugurale dei Giochi di Rio.

Portogallo in gran spolvero

Nel gruppo D dunque esordio vincente della formazione portoghese contro una rappresentativa argentina che potrebbe essere certamente più competitiva ma ha dato l'impressione di possedere una scarsa fisionomia di squadra.

A decidere il match, terminato 2-0 per gli uomini di Rui Jorge, le reti di Paciencia e Pite negli ultimi 20' della ripresa, complici anche gli interventi non irresistibili del portiere argentino Rulli. Sul fronte albiceleste una traversa colpita da Calleri ad inizio ripresa. Nello stesso raggruppamento, l'Honduras ha sconfitto 3-2 l'Algeria grazie ai gol di Quioto, Pereira e Lozano mentre per i nordafricani hanno realizzatoBendebka e Bounedjah.

Delusione verdeoro

Fischi per il Brasile all'esordio del Torneo Olimpico. La selecao non è andata oltre il pari a reti bianche contro un Sudafrica roccioso ma complessivamente modesto in cui la parte del leone l'ha recitata il portiere Ithumeleng Khune.

Verdeoro con le polveri bagnate nonostante le tante stelle in campo, Neymar su tutti ma anche i giovani emergenti Gabigol, giocatore nel mirino di Inter e Juventus,e Gabriel Jesus(quest'ultimo ha colto un palo clamoroso), ultimo colpo di mercato del Manchester City. Anche la Nazionale Olimpica evidenzia quello che negli ultimi anni è il problema cronico del calcio brasiliano: la mancanza di un vero centravanti in grado di concretizzare il lavoro di tante mezzepunte di talento, parecchi i piedi buoni ma poca cattiveria sotto porta.

Nessun gol anche nell'altra gara del girone A tra Danimarca ed Iraq anche se la formazione asiatica ha fatto vedere le cose migliori.

Incredibile Nigeria-Giappone

Nel gruppo B ha destato sensazione il match tra Nigeria e Giappone, una battaglia calcistica d'altri tempi conclusa con un incredibile 5-4 a favore degli africani. Ritmo pazzesco nei primi 13' con le aquile nigeriane due volte in vantaggio, con Umar ed Etebo, e due volte raggiunte dai nipponici con le reti di Koroki e Minamino.

Poi si è scatenato lo stesso Etebo, andato in rete altre tre volte, che ha portato lo score sul 5-2. Asano e Suzuki hanno reso meno amara la sconfitta degli uomini del Sol Levante. Nello stesso girone c'è stato lo scoppiettante pareggio, 2-2, tra i campioni d'Europa Under 21 della Svezia e la Colombia, fissato dalle reti di Gutierrez e Pabon per i sudamericani e di Ishak ed Ajdarevic per gli scandinavi.

Goleada coreana

La Corea del Sud, medaglia di bronzo quattro anni fa a Londra, ha travolto le Isole Fiji con un eloquente 8-0 che non ha bisogno di ulteriori commenti: a decidere il match la tripletta di Seungwoo, la doppietta di Changhoon ed i gol di Heungmin su rigore e di Hyunjun. Sempre nel girone C, emozionante 2-2 tra Messico e Germania.

I campioni olimpici sono andati due volte in vantaggio con Peralta e Pizarro ma sono stati prontamente raggiunti dai tedeschi in entrambe le occasioni grazie alle reti di Gnabry e Ginter.