Organizzare una partita di calcio non é più un sogno nella Siria dove la guerra ancora continua. Palmira, città che si trova in un'oasi a 240 km a nord-est di Damasco, liberata dall'isis sarà teatro alla fine dell'estate di una partita di calcio singolare. Si affronteranno in tale contesto due squadre di ragazzi siriani in una serata evento organizzata dal governo e dal ministero dello Sport Siriani.

Progetto Stop War Play football

Le magliette dei bambini avranno il logo degli enti istituzionali siriani che patrocineranno l'iniziativa e del progetto internazionale "Stop War Play football", che nasce nel 2015 dalla passione per il calcio come strumento di pace.L'obiettivo è regalare un sorriso con un gesto semplice quale il dono di un pallone, punto di partenza per diffondere pace e speranza in paesi martoriati dalla guerra come la Siria.

Artefici di questa inziativa sono l'Associazione Sant'Anna, l'Aics (Associazione italiana cultura e sport) e il corpo miltare del Sovrano Ordine di Malta, con il patrocino tra l'altro della Presidenza della Repubblica di Malta, l'Ambasciata di Malta in Italia e la Malta Football Association.

I giovani di Palmira

Così i giovani di Palmira hanno riceveranno presto materiale sportivo dall'Italia quali completi da gara, porte da calcio e palloni che transiteranno per il Libano prima di arrivare in Siria.In questo modo il materiale che invierà "Stop War play football" permetterà di far assaporare anche ai giovani siriani un po' di gioia, felicità e spensieratezza. Bisogna considerare che molti di loro fin dalla tenera età sono stati obbligati ad impugnare un fucile invece di giocare e rincorrere un pallone.

Per questo i palloni saranno donati ai giovani da miltari in divisa, in segno di un simbolo universale di pace e fratellanza tra i popoli. E se il loro passato è segnato da tanta sofferenza e dalla distruzione del loro territorio, non è però cancellato.Infatti il sito archeologico di Palmira ha resistito nonostante i numerosi danni.

E la memoria storica potrà aiutare questi ragazzi ad affrontare un futuro diverso. A tal fine anche la partita che si terrà è assolutamente simbolo di una rinascita concreta.