Nonostante le tante offerte provenienti da tutto il mondo, la scorsa estate il campione svedese Zlatan Ibrahimovic ha deciso di accettare, come tutti sanno, il trasferimento al Manchester United, ma qual è il vero motivo di questa scelta?

The Special Two

Dietro a tutte le vicende solite delle sessioni di Calciomercato, c’è un nome che ha prevalso su tutti gli altri, una persona che per ‘Ibracadabra’ è qualcosa di più di un semplice allenatore: José Mourinho. Come ha rivelato egli stesso alla rivista ‘Sun’, Zlatan è stato sempre vicino ad un trasferimento nel maggiore campionato inglese, sponda Arsenal prima e Manchester Citypoi, ma senza una vera necessità di cambiare aria, l’attaccante ha sempre rifiutato.

Ma quando lo Spacial One chiama, non si può dire di no: “Mourinho è la mente di tutto, chi non lo vorrebbe come allenatore? Lui sa cosa serve per vincere e con lui all’Inter ho imparato un sacco di cose”. Ed è per questo che nel campionato 2016/2017 vedremo Ibrahimovic seguire le indicazioni dello stimatissimo Mourinho, così come nella Milano nerazzurra del 2008/2009 che portò alla vittoria del 17° campionato per l’Inter e la vittoria della classifica marcatori dello stesso bomber svedese con 25 gol.

Ibra, da Bomber a Mister

La notizia più fresca, al termine di questa estate bollente di mercato, deriva dai rapporti che Ibrahimovic sta instaurando con i suoi compagni di squadra più giovani ed inesperti: come comunica una fonte dell’entourage United, il fuoriclasse svedese sembrerebbe aver accolto sotto le sue possenti ali i giovanissimi Rashford, Martial e Lingaard0, ai quali pare abbia cominciato a dargli lezioni extra di tiro al termine delle solite sedute di allenamento con tutta la squadra.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Calciomercato

Certa è ormai la notizia secondo la quale il nuovo anno che sta per arrivare porterà una profonda novità nella vita di Zlatan, infatti inizierà a seguire un serio corso per allenatori, per ampliare la sua visione tattica in campo e per instaurare una base per la sua carriera al termine della vita del calciatore, che a quanto dice sembra poter durare per un paio d’anni ancora.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto