L'Atalanta di Gasperini è la sorpresa più grande della stagione 2016/2017, basti pensare che in 27 giornate di campionato ha già eguagliato il record di 52 punti conquistati nel campionato 2011/2012. Attualmente, la squadra bergamasca è quinta in classifica, davanti a Inter e Milan, e in piena lotta per l'accesso in Europa. Gli artefici della strepitosa stagione sono davvero tanti: la società, brava a dare fiducia all'allenatore nonostante un inizio di campionato non brillantissimo; Mister Gasperini che ha trovato la quadratura giusta e lanciato tanti giovani - a proposito di giovani, i vari Gagliardini (passato all'Inter), Caldara, Conti, Petagna, Kessie' stanno disputando una stagione al di sopra di ogni più rosea previsione - ma soprattutto il capitano Papu Gomez, strepitoso in campo e attivissimo e simpaticissimo sui social media, risulta la vera star della squadra.

Dall'odio dei tifosi alla guerra: la carriera del Papu Gomez

Alejandro Gomez è nato a Buenos Aires (Argentina) il 15 febbraio 1988. Cresce calcisticamente nell'Arsenal de Sarandì, squadra argentina con cui conquista la Copa sudamericana. Nel gennaio del 2009 si trasferisce in un'altra squadra argentina, il San Lorenzo. L'esperienza in una delle squadre della capitale non è delle più felici, e non certo per le qualità del suo gioco. I tifosi del San Lorenzo, infatti, non gli hanno mai perdonato il suo tifo per i rivali dell'Independiente e durante una partita sono arrivati ad applaudire l'arbitro che ha espulso l'attaccante. Il Papu esce dal campo incredulo e con le lacrime agli occhi, una scena davvero difficile da immaginare oggi: lui, amato e apprezzato dai tifosi di tutta Italia, "scacciato" dai tifosi del club in cui milita.

L'anno seguente (2010), Gomez si trasferisce in Serie A, al Catania. In Sicilia, mette in mostra tutte le sue qualità, attirando le attenzioni di Stramaccioni, all'epoca allenatore dell'Inter, che lo voleva fortemente nelle fila nerazzurre. L'esonero dell'allenatore romano fa saltare l'affare e Gomez passa al Metalist, in Ucraina. Le vicende politiche e la guerra convincono, però, il calciatore a chiedere la cessione.

L'Atalanta fiuta subito l'affare e compra il giocatore.

Gomez, stella sul campo e sui social

Gomez esordisce con la maglia dell'Atalanta il 21 settembre del 2015, subentrando a Marco D'alessandro nella partita Atalanta-Fiorentina. La prima stagione non è esaltante: 24 presenze e tre gol il suo score totale. Le prestazioni migliorano in quella successiva in cui realizza sette reti in 34 partite disputate.

Ma è nell'attuale stagione che il Papu Gomez sta mettendo in mostra tutte le sue qualità. Quando mancano ancora undici giornate dal termine del campionato, ha già siglato 9 reti e fornito 5 assist, risultando il capocannoniere della squadra. Inoltre, secondo i dati 'Opta', Gomez è il calciatore del campionato che ha creato più occasioni da gol, ben 65, almeno 10 in più rispetto a tutti gli altri giocatori della Serie A.

Ma lo show di Papu Gomez non è solo sul campo. L'attaccante bergamasco è uno dei calciatori più attivi sui social media. Meme, foto, video sono all'ordine del giorno sulle pagine ufficiali di Facebook e Instagram, ed alcune di loro (per non dire molte) sono divertentissime. Come sul campo, anche sui social il Papu ha un'ottima spalla: Andrea Petagna.

I due creano continuamente fotomontaggi che diventano virali in pochissimo tempo e che hanno fatto innamorare tutti i tifosi d'Italia. Solo per fare qualche esempio, citiamo il post che paragona i due attaccanti ad Arnold Schwarezenegger e Danny De Vito nel film "I Gemelli" o la trasformazione dei personaggi sulla locandina del film "Scemo più scemo 2" (con Gomez e Petagna che prendono il posto di Jim Carrie e Jeff Daniels) o ancora il post che ritrae il Papu nei panni di Bart Simpson che scrive sulla lavagna "Devo fare più assist a Petagna". Ecco un breve video di alcune immagini postate dai due compagni di squadra su Instagram.

Segui la nostra pagina Facebook!