Inizia con una prova di forza del Bayern Monaco la Bundesliga 2017/18: i bavaresi superano 3-1 il Bayer Leverkusen grazie alle reti degli esordienti Süle (al 9’) e Tolisso (al 19’), oltre al sigillo di Lewandowski al 53'. Inutile la rete di Mehmedi al 65’. Mister Carlo Ancelotti deve rinunciare al neo-capitano Neuer per infortunio e la fascia cade dunque sul braccio di Müller. A fare la differenza è stata la qualità del centrocampo: Aranguiz e Kohr sono infatti andati in grave difficoltà contro i vari Vidal, Tolisso e Rudy. La prima occasione capita proprio a Tolisso al 5’: la sua conclusione viene però respinta da Leno in angolo.

Al 9’ il gol di Süle, che di testa, su punizione, sfrutta benissimo il cross dell’altro ex Hoffenheim Rudy. Tre minuti dopo, il Leverkusen sfiora per ben due volte il pari. Prima è bravo Ulreich a respingere un tiro di Mehmedi, poi è Bellarabi a calciare di poco a lato.

Al 19’ il Bayern indirizza però la partita: dopo una mischia su angolo il pallone arriva a Vidal che prolunga sul secondo palo per Tolisso, il quale raddoppia. Al 21’ Volland si divora la palla del 2-1, tirando sul portiere. Al 24’ è sempre il francese ex – Lione ad avvicinarsi al 3-0, centrando tuttavia il palo da buona posizione. Nella ripresa (cominciata con 15’ di ritardo a causa di un violento nubifragio abbattutosi sulla città) i padroni di casa abbassano il ritmo e gli ospiti tentano di rimontare, ma al 51’ Lewandowski viene strattonato in area da Aranguiz, l’arbitro non lo vede e viene aiutato dal Var: rigore e primo gol in campionato del polacco che arriva così a quota 111 e raggiunge nella classifica all time Hoeness e Ribery.

Al 65’, servito da Brandt, è Mehmedi a realizzare il gol della bandiera, rendendo la sconfitta meno amara e più sopportabile. Ancelotti può dunque tirare un sospiro di sollievo e scrollarsi di dosso parte delle numerose critiche piovutegli addosso dalla tifoseria a seguito di un pre-campionato pieno di scivoloni e sconfitte piuttosto inspiegabili.

Parlando di statistiche, si tratta del il sesto anno di fila in cui il Bayern centra un successo all’esordio in campionato. L’ultima volta che non ci è riuscito (nel torneo 2011-12 con Jupp Heynckes in panchina, quando perse 1-0 contro gli "antichi" rivali del Borussia Moenchengladbach) è stata anche l'ultima in cui a fine anno lo Schale non fu conquistato, poiché prese la via di Dortmund. Che sia di buon auspicio?