Il caso Kessie è esploso in tutta la sua forza in queste ultime ore caldissime in casa Milan. L'ex centrocampista dell'Atalanta è stato uno dei protagonisti, insieme a Lucas Biglia, della lite avvenuta sulla panchina rossonera durante il derby perso contro l'Inter lo scorso weekend. Il classe '96 sostituito da Gattuso dopo una prestazione decisamente opaca è quasi arrivato alle mani con il proprio compagno di squadra mandando su tutte le furie il tecnico rossonero e tutta la dirigenza, che hanno deciso di agire utilizzando il pugno di ferro nei confronti del giocatore.

Pubblicità

Multa e rischio cessione

Leonardo e Paolo Maldini, di comune accordo con Gattuso, hanno prima obbligato il giocatore a scusarsi pubblicamente per la brutta figura fatta durante il corso della partita, poi hanno deciso di sanzionarlo con una multa salata. Il nuovo Milan, infatti, ha deciso di intraprendere una strada che va nella direzione della disciplina e della serietà, ecco perché non sono stati fatti sconti al giocatore che ha reagito sulla scorta dell'adrenalina derivante dal match. L'entità della multa, inflitta anche a Biglia, non è stata resa pubblica, ma ha mandato su tutte le furie Kessie, che sembra ormai prossimo ad una cessione al termine della stagione a causa di questi suoi comportamenti che non sono piaciuti né a Gattuso, né alla dirigenza.

40 milioni per dirsi addio

Una cessione del centrocampista ivoriano sarebbe utile anche per riscattare Bakayoko dal Chelsea. Il Milan, infatti, non ha la possibilità di versare i 35 milioni di euro concordati con i Blues a meno di cessioni eccellenti. E il caso Kessie potrebbe essere proprio la chiave di volta per liberarsi di un problema e confermare il giocatore francese, che negli ultimi mesi ha stregato tutto il popolo rossonero. Per salutare l'ex Atalanta, in ogni caso, il Milan non è intenzionato a fare sconti e si siederà al tavolo solo in caso di offerte superiori ai 40 milioni di euro.

Pubblicità

Visti i rapporti estremamente tesi tra le parti, però, non è affatto da escludere che sia lo stesso giocatore, tramite il proprio agente, a cercare una squadra in grado di mettere sul piatto una cifra simile. Sulle tracce del giocatore c'è da tempo il Paris-Saint Germain, destinazione gradita a Kessie, che potrebbe essere, anche in virtù degli ottimi rapporti con Leonardo, la destinazione perfetta per il giocatore. In questo modo sarebbero tutti contenti, compreso Gattuso che potrebbe continuare a coccolare Bakayoko e dire addio ad un Kessie sempre più fuori dai piani del Milan.