Si è presentato in campo "armato" il centrocampista turco, calciatore dell' Amed, Mansur Calar nel match casalingo contro il Sakaryaspor in seconda categoria turca. Quello che è successo è roba da folli, perché in seguito a dei diverbi avuti nella gara d'andata, lo scorso 13 ottobre, il centrocampista è sceso in campo con un oggetto appuntito per "vendicarsi", graffiando gli avversari sul collo e sul volto durante altri diverbi nati durante questo incontro, poi terminato con il risultato di 1-1.

Si tratta di un gesto chiaramente premeditato, come dimostrano i video che nelle ultime ore girano sui social, dove il centrocampista, tiene questo oggetto misterioso nel pugno fin da quando le squadre si erano schierate a centrocampo in attesa del calcio d'inizio.

L'oggetto misterioso

Secondo alcune immagini e risalendo anche alle lesioni postate dallo stesso Yazgan sul suo account Instagram, si sarebbe trattato di una lametta da barba. Il calciatore Ferhat Yazgan è stato quello ad essere ferito in maniera più grave: prima punzecchiato sul fondo schiena e infine colpito al volto e sul collo.

Lo stesso calciatore è stato il primo a sporgere denuncia, per poi unirsi anche il club, e nelle ultime ore ci sarebbe infatti un indagine in corso, aperta dalla polizia. Il centrocampista dell' Amed, Mansur Calar non la passerà liscia per quel che ha combinato.

Mansur Calar smentisce le accuse

Il centrocampista turco, colpevole dell'accaduto cerca di smentire ogni voce contro di lui, dichiarando che tutto questo sarebbe stato fatto per screditare il loro club con affermazioni infondate, anche se la verità è che il calciatore è sceso in campo "armato di cattiveria", oltre che con l'oggetto che teneva stretto nella mano.

Non saranno soltanto i video a incastrare il centrocampista turco, ma anche le varie foto postate dal calciatore del Sakaryaspor, perché nonostante ci possa essere una grande rivalità tra i due club, è impensabile che avvenga ciò in un terreno di gioco. Il calcio è lo sport più seguito al mondo, uno sport bello e dalla quale tanti ragazzini prendono ispirazione e tutto questo non deve succedere.

La partita

Si è conclusa 1-1 questa partita tanto accesa tra Amed e Sakaryaspor, con entrambe le reti segnate su rigore. La squadra ospite passa in vantaggio al '12 con Dilaver Guclu per poi essere ripresa al minuto '57 da Furkan Yaman. La squadra ospite resta comunque stabilmente in zona play-off a 49 punti, mentre la squadra di casa al centro della classifica con 36 punti, lontana sia dalla zona play-off che da quella play-out.

Segui la pagina Curiosità
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!