E' stato uno dei riferimenti della Juventus post Calciopoli, il regista che ha aperto il ciclo degli scudetti consecutivi in bianconero e che ha evidentemente portato tutta la qualità necessaria per primeggiare in Italia: si parla di Andrea Pirlo, tuttora uno dei giocatori della storia bianconera più amati. In una recente intervista a Radio Bianconera, l'ex centrocampista ha parlato di Juventus, del suo futuro professionale e dei suoi inizi al Brescia, dove è cresciuto ed è diventato uno dei giovani più desiderati del campionato italiano.

A proposito di Juventus, Pirlo ha sottolineato il fatto che, nonostante i bianconeri siano ancora in una fase di apprendistato dovuta al cambio di tecnico, restano sempre i favoriti per la vittoria della Serie A. E proprio la vittoria del nono scudetto consecutivo passa da campi difficili come quello di Brescia, dove la Juventus ha strappato un'importante vittoria in rimonta dopo aver subito il vantaggio bresciano per merito del gol di Donnarumma.

L'intervista di Pirlo

Sempre a Radio Bianconera, Andrea Pirlo si è soffermato inevitabilmente sul suo passato, agli esordi al Brescia dove ha sempre avuto molte responsabilità, nonostante la giovane età.

Proprio a 19 anni si è trasferito all'Inter di Moratti, senza però sbocciare a livello tecnico, nonostante fosse uno dei riferimenti della nazionale under 21 di quegli anni. La sua maturazione professionale è però arrivata con il passaggio al Milan, quando Ancelotti ebbe l'intuizione di schierarlo nel ruolo di regista di centrocampo, diventando uno dei più forti centrocampisti al mondo. In merito al trasferimento alla Juventus, lo stesso ex centrocampista bianconero ha dichiarato che tale scelta è arrivata proprio perché era convinto "di aprire un ciclo vincente" e così è stato.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Juventus

Non è mancato poi il riferimento al suo futuro professionale, in particolar modo al corso che sta svolgendo a Coverciano per ottenere il patentino da tecnico; lo stesso Pirlo ha sottolineato che era inevitabile questa scelta in quanto il calcio "è la mia vita, e non saprei fare altro". Radio Bianconera ha poi stuzzicato l'ex centrocampista bianconero in merito al giocatore che attualmente somiglia tecnicamente al Pirlo giocatore: secondo lui non è Pjanic il centrocampista che più gli somiglia, ma l'attuale mediano del Barcellona De Jong.

Di recente si era parlato di un inserimento di Pirlo nello staff tecnico della Juventus come allenatore nelle giovanili e, a proposito di ritorni, il 25 settembre la Juventus ha ufficializzato l'arrivo in bianconero di Barzagli, che farà parte dello staff tecnico di Maurizio Sarri.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto