L'allenatore della Spal Leonardo Semplici alla vigilia della sfida della sua squadra a Firenze - in programma domani 12 gennaio alle ore 15:00 - ha evidenziato la necessità di una pronta reazione dei suoi giocatori dopo la brutta sconfitta interna di domenica in casa, al Paolo Mazza, contro il Verona.

L'allenatore dei ferraresi avrà tutta la rosa a disposizione, tranne lo squalificato Tomovic e il convalescente Reca, che andrà in panchina per tornare ad assaporare l'aria di gara, ma non è arruolabile.

'Dobbiamo fare una grande gara e punti'

Alla vigilia della partita mister Semplici ha detto: “Dobbiamo fare dei punti importanti per il nostro percorso. La Fiorentina è partita con obiettivi molto diversi dai nostri, ha avuto anche un cambio di allenatore ma noi dobbiamo pensare solo a noi stessi e fare una grande gara”.

Poi il tecnico ha aggiunto: “Abbiamo avuto un girone di andata particolare ma, vedendo quanto abbiamo fatto, potevamo meritare qualche punto in più, abbiamo sbagliato rigori che ci avrebbero potuto dare tre punti di più.

Una classica più consona alla nostra forza. Dobbiamo però continuare a crederci”.

Dabo in arrivo e Kurtic partito per Parma

Inevitabile anche parlare di calciomercato. Da lunedì ci sarà un Dabo in più nel centrocampo biancazzurro: “Sta facendo le visite mediche, da lunedì è con noi, è un centrocampista di "guerra", dal grande impatto fisico, ha esperienza. Non ha giocato molto quest'anno ma sta discretamente”.

C'è inoltre il sogno di fare tornare di nuovo il difensore Bonifazi dal Torino. Semplici non si nasconde: “Premesso che non mi piace e non è giusto parlare di mercato alla vigilia di una sfida così importante, tutti sapete che io e la società stimiamo Kevin, il suo ritorno sarebbe gradito, ma non voglio dire oltre di un giocatore che al momento non è nostro, anche se ci auguriamo che lo potrà diventare".

Non poteva mancare un commento su Kurtic, appena passato al Parma: “La situazione è molto semplice, il giocatore ha chiesto di andarsene, alla società l'offerta è stata bene, perchè con la sua vendita si potranno prendere altri giocatori. Come ha detto bene il nostro presidente Walter Mattioli noi non teniamo gente che non ha voglia di rimanere. Chi vuole resta, chi non ci crede se ne va, ma lo ringrazio per tutto quello che ha fatto per noi".

Lo stimolo alla squadra da parte della Curva Ovest

La Curva Ovest in settimana ha chiesto di più "attributi" per una squadra che staziona all'ultimo posto della classifica: “Li tiriamo fuori una gara sì e una gara no - conclude Semplici - forse dobbiamo andare a giocare senza mutande per tirarli fuori sempre.

I ragazzi della Curva ci sono sempre vicini, per noi è importantissimo. I primi a essere dispiaciuti di questa situazione siamo proprio noi, perché cerchiamo di dare sempre il massimo".

Segui la pagina Serie A
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!