Nel corso di un evento organizzato dai corsi di laurea di Diritto e Management dello Sport e di Scienze Motorie e dello Sport a Lecce, Antonio Conte ha condiviso alcuni aspetti meno noti dei suoi primi anni con la Juventus, offrendo una prospettiva unica sul suo percorso di crescita nel mondo del calcio. Ha ricordato un suo errore nella sua prima da titolare nella Juventus, parlando come di fallimento dalla quale è ripartito.

Un incontro determinante con Trapattoni

Antonio Conte ha rivelato che l'incontro con Giovanni Trapattoni è stato fondamentale per la sua lunga permanenza alla Juventus, durata ben 13 anni.

Tale connessione ha contribuito a plasmare la sua carriera e a creare una solida base per il suo futuro nel calcio. Il tecnico ha parlato delle difficoltà legate alla sua decisione di lasciare la squadra della sua città natale per unirsi alla Juventus. Questo passo significava abbandonare la sua comfort zone e affrontare sfide inaspettate, una scelta che avrebbe definito il corso della sua carriera.

L'errore in un'amichevole contro il Monaco

L'ex tecnico del Tottenham Antonio Conte ha apertamente parlato di un momento difficile durante una partita amichevole in Francia contro il Monaco, nella sua prima da titolare alla Juventus: "In Francia giocai per la prima volta titolare e perdemmo per un mio errore.

Quello sbaglio lo ricorderò per sempre, fu un mio fallimento. Una parte del percorso. Lì capii tante cose perché quel momento mi fortificò".

Il primo anno a Torino non è stato facile per Conte, ma il sostegno di Trapattoni ha giocato un ruolo importante nel superare le difficoltà iniziali. La determinazione a non arrendersi, nonostante le incertezze, ha guidato l'ex giocatore bianconero attraverso i momenti più difficili.

Non è un caso che poi abbiamo giocato ben 12 stagioni con la società bianconera.

Antonio Conte sul suo possibile ritorno alla Juve

Il tecnico Antonio Conte, nel corso di un evento, ha commentato un possibile ritorno alla Juventus, paragonandolo a un matrimonio e sottolineando l'importanza della condivisione di idee. Allo stesso tempo, ha rivelato di starsi godendo il suo tempo libero, dedicandosi allo studio e alla crescita delle sue conoscenze.

Conte ha utilizzato una metafora matrimoniale per esprimere la possibilità di un suo ritorno alla Juventus. "I matrimoni si fanno sempre in due, si può sempre sognare e sperare di sposarsi un’altra volta. L’importante è che ci sia condivisione di pensiero".

L'allenatore ha poi condiviso il modo nel quale sta attualmente gestendo il suo periodo di pausa. "In questo momento mi sto godendo il tempo libero che ho, continuo a studiare e guardarmi intorno per ampliare le mie conoscenze".