La dirigenza della Juventus starebbe lavorando ad un restyling sulle fasce in vista della prossima stagione con i profili di Kostic, Weah e Iling-Junior che sarebbero a rischio cessione. Il club potrebbe così ripartire da Andrea Cambiaso, che si sta imponendo per la capacità di agire sia a destra che a sinistra, puntando su nuovi elementi quali Kiliann Sildillia del Friburgo e Reinildo dell'Atletico Madrid.

Le valutazioni di Kostic, Iling-Junior e Weah

La società bianconera valuta Filip Kostic tra 15 e 20 milioni di euro, più o meno la stessa valutazione di mercato attribuita a Samuel Iling-Junior, che piacerebbe a diverse società inglesi.

Per quanto concerne Weah, il figlio d'arte non è ancora riuscito ad incidere nel 3-5-2 di Allegri e potrebbe lasciare Torino in caso di offerta da almeno 10 milioni di euro, più o meno la somma pagata dalla società bianconera per acquistarlo dal Lille.

I possibili nomi per rinforzare le fasce difensive: piacciono Reinildo e Sildillia

Con chi rimpiazzare questi profili in caso di cessione? Uno dei nomi sotto attenta valutazione sarebbe quello di Reinildo, jolly difensivo di 30 anni in forza all'Atletico Madrid con contratto in scadenza nel 2025. In caso di mancato prolungamento, l'addio in estate sarebbe certo: ad oggi il calciatore mozambicano costa 15 milioni di euro circa, in estate e ad un solo anno dalla scadenza potrebbe essere prelevato per molto meno.

Giuntoli sarebbe sulle sue tracce per la capacità di agire sia in una difesa a tre che come terzino sinistro o da esterno in un 3-5-2, una poliedricità che farebbe molto comodo al club.

Spostandosi di fascia, invece, l'attenzione della dirigenza bianconera sarebbe proiettata su Sildillia, classe 2002 del Friburgo. Il giovane esterno francese è stato già osservato dalla Juventus nella scorsa stagione e continua ad essere monitorato da vicino.

Il costo del suo cartellino si aggira sui 18 milioni di euro, il contratto coi tedeschi scadrà nel 2026.

Le criticità delle prestazioni offerte fin qui da Weah e Kostic in stagione

Se Iling non ha avuto praticamente nessuna chance di esibirsi se non in pochi e rari scampoli di partite, Massimiliano Allegri ha offerto molte più opportunità a Weah e Kostic ottenendo in cambio poco o nulla.

L'esterno ex Lille ha segnato un solo gol in Coppa Italia collezionando 20 presenze e un assist in Serie A. ll serbo invece ha disputato 22 incontri con 4 assist quasi tutti arrivati su calcio da fermo, quasi mai su azione in campo aperto.

Entrambi hanno mostrato delle amnesie difensive (i gol subiti contro Frosinone e Salernitana in campionato ad esempio sono arrivati dalla fascia presidiata proprio da Kostic), mentre Weah è parso poco produttivo in fase offensiva, evidenziando una grande timidezza nel cercare l'uno contro l'uno sul fondo.

Se dovesse arrivare l'offerta giusta per entrambi potrebbe profilarsi un futuro lontano da Torino anche se la giovanissima età dell'esterno USA potrebbe indurre la società a dargli un'altra possibilità.