Ebbene, ai giornalisti è arrivato l'invito per l'evento di presentazione del LG G3, il quale si terrà il 27 maggio in sei diversi città, tra le quali Londra, che sarà quella più vicina a noi.

LG G3 dovrà fronteggiare mostri della telefonia attuale quali iPhone 5s, HTC One M8, Galaxy S5 e Xperia Z2. Ma basterà una superficie metallica spazzolata, un display con tecnologia IPS 2K, (risoluzione QHD, con 2560x1440 pixel), 3 GB di RAM e un processore Snapdragon 805 quad-core per fronteggiare i grandi rivali?

Osservando delle statistiche, piuttosto che delle interviste, ci si è accorti che la clientela è stanca di maneggiare telefoni come fossero padelle che accesi la mattina alle sette durano sì e no fino alle ventitré. Una statistica in particolare sostiene come l'autonomia delle batterie dei telefoni cellulari sia in perenne diminuzione, dal 2004-2005. Dal 1997 circa, invece, la durata delle stesse è aumentata fino a raggiungere il picco di due giorni nel 2004, (uso intenso naturalmente).

La questione principale è infatti la seguente: l'evoluzione dei processori dei cellulari non va di pari passo con quella delle batterie agli ioni di Litio. Per questo le ottimizzazioni per la durata dei terminali è sempre eseguita sul software e non sull'hardware: cosa non sbagliata, ma oltre a questa ne sarebbe gradita una anche sulle batterie.

Un'altra questione è quella della risoluzione dei display: come mai in schermi di 5" vi è una risoluzione di 2K e in prossimo futuro in 4K, ed invece in schermi di 10" di netbook la risoluzione si ferma a 1280 x 720 pixel? Un vero e proprio controsenso riflettendo sul tipo di utilizzo che si può effettuare su di un netbook e di un telefono cellulare.

Non sarebbe dunque più giusto investire sul campo della ricerca delle batterie, invece di seguire la moda del "chi ce l'ha più grosso vince"? LG G2 è stata una vera sorpresa per quanto riguarda la durata dell'autonomia. Allora, LG G3 farebbe benissimo a seguire quella strada che, attraverso la scheda tecnica già ottima, potrà facilmente sfondare la concorrenza, che comunque è sempre gradita.

Se solo il marketing potesse darsi una svegliata...

Leggi tutto