Il nuovo prodotto della Apple, l'iPhone 6s e 6s Plus, sarà disponibile in Italia a partire dal 9 ottobre; il prezzo definitivo del 6s sembra sia 779 euro per il modello da 16GB, 889 euro per quello da 32GB e 999 euro per quello da 64G. Nei paesi dove è già uscito, come Stati Uniti, Germania e Francia, sono state presto esaurite le scorte, e in Paesi come Hong Kong, Cina e Giappone, non è possibile acquistarlo senza prenotazione. Sembra, quindi, ci siano state vendite record, secondo quanto dichiarato da Cupertino.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Smartphone

"Ècambiata solo una cosa. Tutto". Ecco come la Apple racconta il nuovo smartphone

Tante le novità e i miglioramenti apportati al nuovo smartphone: è stato inserito il 3D touch, che riconosce l'intensità della pressione del dito; la fotocamera iSight ora è la più evoluta, con ben 12 MP con cui è in grado di scattare fotografie nitide e dettagliate, e video a 4K, cioè con una risoluzione quattro volte più alta del formato HD a 1080p.

Inoltre, per gli amanti dei selfie, ora c'è la fotocamera FaceTime HD da 5 MP. Ma non è finita qui: è stato inserito anche il Live Photos, attraverso il quale sarà possibile catturare l'istante prima e dopo lo scatto. Rivoluzione in vista, quindi, per chi ama scattare fotografie.

Ora l'iPhone 6s e 6s Plus possono vantare prestazioni da computer desktop, con il chip più evoluto sul mercato: ben 64 bit per il nuovo chip A9, che migliora fino al 70% le prestazioni della CPU, e del 90% quelle della GPU. Novità anche per quanto riguarda il design: il vetro è il più resistente mai utilizzato per uno Smartphone, e il guscio è realizzato con una nuova lega di alluminio serie 7000, il materiale usato nell’industria aerospaziale. Infine, miglioramenti anche per quanto riguarda il Touch ID, ancora più sicuro e preciso, mentre le reti 4G e LTE saranno ancora più veloci.

I migliori video del giorno

Infine, non possiamo dimenticarci di citare il nuovo iOS9, il sistema operativo mobile più evoluto al momento sul mercato. A quanto pare, la Apple è riuscita ancora una volta a superarsi.