Lo dice con chiarezza uno studio pubblicato dalla "Global Mobile Consumers Survey di Delotte", un autorevole ente che da anni studia usi e costumi della società attuale: i cellulari diventano sempre più invadenti nella nostra vita ed ora sono prepotentemente diventati causa di malumori tra le coppie nella loro intimità. La ricerca, presentata a Milano, rivela un quadro tutt'altro che idilliaco riguardo l'invadenza dei nuovi Smartphone nella vita di coppia. Troppo spesso infatti si trascura il proprio partner per dedicarsi a consultare applicazioni, frequentare i social o a distrarsi con giochi e news.

Pubblicità

Sembra addirittura che il 27% delle coppie italiane viva veri momenti di tensione proprio a causa del tempo che il cellulare ruba alla loro intimità. Molte lamentano che per stare incollati al piccolo schermo dei telefoni di ultima generazione, la passione viene troppo spesso trascurata e messa in secondo piano. Va meglio in Olanda, dove solo il 13% degli innamorati vive questo disagio moderno.

Invece di fare l'amore, cosa si fa col cellulare?

Invece di dedicarsi a coccole e baci, uomini e donne in camera da letta sfruttano i pochi momenti liberi per restare incollati davanti al proprio smartphone.

Dimenticandosi del partner e dedicandosi a smanettare sul proprio device. Secondo questa ricerca, gli utenti utilizzano i cellulari per informarsi e leggere notizie (63%), giocare (80%) e soprattutto ingannare il tempo sui social (84%). Tuttavia l'aspetto più inquietante è che molte persone che vivono un rapporto di coppia, magari nonostante siano appagate dalla propria situazione sentimentale, passano diverso tempo sui siti e sui portali dedicati alla ricerca dell'anima gemella, magari anche solo per ammirare foto di potenziali amanti o fantasticare su possibili incontri.

Pubblicità

Questo studio ha quindi rilevato che i cellulari non sono solo entrati in ogni aspetto della vita pubblica, ma hanno anche fatto breccia nell'intimità delle coppie, portando spesso quest'ultime a litigare tra loro e ad essere insoddisfatte.